recensioni libri 

Giancarlo Trapanese 


Chi mi ha ucciso? - thriller metafisico, sospeso tra reale e fantastico - romanzo scritto da Giancarlo Trapanese
giancarlotrapanese@giancarlotrapanese.it
decorazione topright
decorazione bottomleft


news

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1
CHI MI HA UCCISO? A Teatro
"CHI MI HA UCCISO? A TEATRO
UN PRODOTTO TUTTO MADE IN ANCONA

Ed è andata meravigliosamente...
Un grazie grande come il mondo alle ottocento persone che hanno deciso di vivere insieme a noi questo magico e folle fine settimana di Teatro.
E' stato emozionante, divertente e intenso.

"Benvenuti a teatro, dove tutto è finto ma nulla è falso!" dice il Grande Maestro Gigi Proietti.
Niente di più vero…
Foto Album

CHI MI HA UCCISO? A Teatro
"CHI MI HA UCCISO? A TEATRO

Domenica 6 Agosto alla Mole di Ancona, "Chi mi ha ucciso?" a Teatro, commedia con delitto in tre atti. . . .
Foto Album


decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

il blog di Giovanni

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Il blog più pungente della rete - Il blog di Giancarlo Trapanese

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Giovanni Trapanese photographer fotografo avvocato

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Gloria Trapanese psicologa clinica Ancora donna prevenzione

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

copertine dei libri di giancarlo trapanese

decorazione topleft decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Chi mi ha ucciso? - Giancarlo Trapanese
La giusta scelta - Giancarlo Trapanese
Ascoltami - Giancarlo Trapanese
Ascoltami - Giancarlo Trapanese
Quella Volta che. . .avventure e ricordi di Alceo Moretti - 2010 - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Sirena senza coda - libro scritto da Giancarlo Trapanese e Cristina Tonelli
Da quanto tempo - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Luna Traversa - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Se son fiori... - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Calcio a 5 lo sport del 2000 - libro scritto da Giancarlo Trapanese
decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione 1-bottomright



lista recensioni

decorazione topleft decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Vedi tutte le recensioni

Chi mi ha ucciso?

Agnese Testadiferro
Andrea Marinelli
Antonio Luccarini
Benedetta Grendene
Elisa Frare
Francesca Cipolloni
Francesco Caferri
Giuseppe Campanelli
Laura Margherita Volante
Raimondo Montesi
Sergio Gigliati
Silvano Staffolani
Teodora Stefanelli
Valerio Calzolaio

La giusta scelta

Benedetta Grendene
Catiuscia Ceccarelli
Collettivo Idra
Cristina Tonelli
Giuseppe Modugno
Il Lucano Potenza
L'Azione Fabriano
Marco Mittica
Norma Stramucci

Madre vendetta

Adnkronos IGN
Annamaria Barbato Ricci
Antonio Luccarini
Cristina Tonelli
Edda Lavezzi Stagno
Francesco Greco
Gigi Avanti
Giorgio Iacobone
ilRestoDelCarlino.it Web
Luciano Gregoretti
Maria Lampa
Maria Rita Parsi
Moreno Giannattasio
Noodls Web
Norma Stramucci
Silvana Coricelli
Tito Stagno

Ascoltami

Antonio Luccarini
Chiara Giacobelli
Cristina Tonelli
CronacheMaceratesi.it Web
Giorgio Iacobone
ilRestoDelCarlino.it Web
laprimaweb.it Web
Lucio Zarletti
Paolo Pandolfi
viverecivitanova.it

Quella volta che. . .

Ferruccio De Bortoli

Sirena senza coda

Alessandro Moscè
Asmae Dachan
Chiara Giacobelli
Gian Paolo Grattarola
Giorgio Iacobone
IlMascalzone.it Web
IlQuotidiano.it Web
Michele Antognoni
Paolo Pandolfi
Raffaele Mazzei
RivieraOggi.it Web
SanMarinoRTV.sm
Silvana Coricelli
Sito del Comune di Venezia Web

Da quanto tempo

Alessandro Moscè
Anna Maria Ragaini
Asmae Dachan
Lucio Felici
Maria Lampa
Norma Stramucci
Paolo Parimbelli

Luna traversa

Alice Ragni
Antonio Luccarini
Anuska Pambianchi
Dr Antonio Bruni
Gigi Avanti
Giulia Ruffoni
Kruger Agostinelli
Maria Grazia Capulli
Mohamed Nour Dachan
Norma Stramucci
Sergio Angeletti
Sherif El Sabaie

Se son fiori

Enrico Capodaglio
Francesco Alberoni
Francesco D’Aniello
Giuseppe Possedoni
Silvana Coricelli
decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione 1-bottomright

decorazione black 4



recensione: Madre vendetta (Noodls Web)

decorazione topleftdecorazione blank 1decorazione blank 2
decorazione blank 1

24/02/2012 - Madre vendetta, Trapanese presenta il nuovo romanzo

 
La violenza sulle donne da parte di chi doveva amarle, la certezza della pena, la giustizia equa, il rispetto per i parenti delle vittime: sono questi temi del nuovo romanzo di Giancarlo Trapanese " Madre Vendetta, storia di un perdono impossibile" (Vallecchi Firenze editore) che sarà presentato in prima nazionale al pubblico Domenica 26 febbraio alle 17,45 al Teatro Sperimentale di Ancona nel corso di quello che si annuncia un autentico evento.
Il romanzo, ispirato da una reale vicenda di cronaca, sarà presentato dal Presidente della Corte d'assise di Milano Luigi Domenico Cerqua, dall'Avv. Giacomo Vettori, dal Critico letterario e scrittore Alessandro Moscè nel corso di un pomeriggio spettacolo ricco di contributi artistici e di emozioni. La vicenda del romanzo è stata ambientata a Bertinoro, in romagna ( e sarà presente il sindaco della cittadina) e ha come protagonista un giornalista ed un maresciallo dei carabinieri.
Durante la serata la mamma di Rossana Wade, la ragazza assassinata nel '91 dal fidanzato e la cui vicenda ha ispirato in parte il romanzo, consegnerà all'ARMA dei CARABINIERI il premio " Rossana Wade amore per la giustizia" mentre il premio " Rossana Wade amore per la verità" sarà consegnato l'8 Marzo a Roma a Federica Sciarelli nel corso della presentazione alla stampa nazionale del romanzo di Trapanese.
I premi sono delle preziose, uniche e straordinarie sculture di Nazareno Rocchetti appositamente realizzate. All'appuntamento di Ancona prenderanno parte gli attori Simone Pieroni ( da Roma) Giulia Poeta, il grande violinista Marco Santini, il famoso duo lirico OPERAPOP (Enrico Giovagnoli e Francesca Carli) il cantautore Luca Lattanzio ( con un brano realizzato appositamente sui temi del libro) ed il Cantastorie veronese Stefano Cobello.
L'ingresso alla manifestazione ( organizzata dalla Pegasus Cattolica con il patrocinio del Comune di Ancona) è libero.
Link recensione: Visita il link


Castelfidardo - Recensione sulla presentazione del nuovo libro
Torna al menù recensioni

Info critico

Nome: Noodls
Cognome: Web
Sito Web - Notizie
Sito Web: clicca qui
Sito web

Noodls

Noodls è il nuovo canale esclusivo, dai contenuti altamente segmentati, contenente tutti i comunicati stampa, le news istituzionali e gli annunci societari diffusi ogni giorno.

Compra il libro:

link acquista
decorazione blank 2
decorazione blank 2decorazione blank 2decorazione bottomright

recensione: Madre vendetta (Moreno Giannattasio)

decorazione topleftdecorazione blank 1decorazione blank 2
decorazione blank 1

Recensione di Moreno Giannattasio

 
Domenica 26 al teatro Sperimentale di Ancona, Giancarlo Trapanese ha presentato in prima nazionale il suo ultimo romanzo Madre Vendetta per Vallecchi editore. Sala gremita di amici, facce note anche solo su facebook - da lì è pure partito l'incontro e lo spunto per il racconto - e molte persone dell'Ancona della cultura. L'impressione iniziale è da perdere l'equilibrio, vedendo come la presentazione di un libro possa trasformarsi in un evento che raccoglie persone così diverse tra di loro.
Buio in sala.
Voce di vento e vibrazioni intense sulle corde di un violino.
Il pensiero viene subito ghermito e portato nel mondo delle metafore: il vento della giustizia, le note del volo e l'evocazione di una storia intensa. La sensazione è quella di trovarsi di fronte ad una fenomeno ampio, multiplo, difficile da governare e da tenere insieme.
E nel buio eccola là, la luce usb sul portatile, che svela il volto attento e teso di Giancarlo Trapanese.
E' tutto sotto controllo.
Come sempre Giancarlo tiene le redini della nutrita scaletta, misura le parole, fa partire i filmati e suggerisce al presentatore il tempo e il ritmo. Risultato?
Ti rilassi e non pare più di essere in un teatro, la dimensione diventa intima e si seguono meglio le parole, rincorrendo i propri pensieri sui temi del perdono e della vendetta. Un groviglio che bolle in attesa che il fuoco della musica e della recitazione alzi la temperatura. Poi Giancarlo toglie il coperchio, fa sentire il sapore della cronaca e svela la sua natura da segugio di storie e di rabdomante delle emozioni.
Madre vendetta prende davvero forma e chi ancora non l'ha letto non vede l'ora di farlo, osservando cosa si è già prodotto intorno al testo scritto fin dalla prima uscita. Chi ha attraversato il viaggio in un romanzo che vive in equilibrio tra il giudizio e la comprensione di un brutto omicidio tra giovani, in una Bertinoro in lotta tra accoglienza e rifiuto, può dire di esserci stato. Gli altri devono correre a leggere e magari sperare di arrivare un giorno nella piccola città romagnola ad assaggiare quelle meravigliose tagliatelle che stemperano così dolcemente la diffidenza dei protagonisti.

Grazie Giancarlo


Recensione del libro Madre Vendetta scritto da Giancarlo Trapanese
Torna al menù recensioni

Info critico

Nome: Moreno
Cognome: Giannattasio
Assessore alla cultura Comune di Castelfidardo


Compra il libro:

link acquista
decorazione blank 2
decorazione blank 2decorazione blank 2decorazione bottomright

recensione: Madre vendetta (Cristina Tonelli)

decorazione topleftdecorazione blank 1decorazione blank 2
decorazione blank 1

Recensione di Cristina Tonelli

 
Giancarlo ha saputo trattare un così tragico e delicato avvenimento con giuste e misurate parole accattivando l’attenzione del lettore sulla storia trattata. Si legge scorrevolmente e non certo per il tema in questione quanto per l’adozione del suo linguaggio: chiaro, mai banale creando così una notevole tessitura del racconto.
Accresce in colui che legge una sete di sapere, di conoscere i fatti, le vicende, le quali paiono avvolgerti sino alla fine.
E’ un libro che ti scuote il cuore, crea interrogativi su ciò che si legge e su ciò che c’è in ognuno di noi: le paure, le tentazioni, le insicurezze e le forze insperate.
Un altro lavoro capace di “approfondirci l’anima” e scuoterci il cuore.

Cristina Tonelli


Recensione del libro Madre Vendetta scritto da Giancarlo Trapanese
Torna al menù recensioni

Info critico

Nome: Cristina
Cognome: Tonelli
Scrittrice - autrice
Sito Web: clicca qui
Cristina Tonelli

Cristina Tonelli

A Fano, vent'anni fa, nacque una bambina con un grave handicap: Cristina Tonelli. Una sofferenza placentare le aveva causato una grave lesione cerebrale. A lei i medici, poco dopo la nascita, non avevano concesso la speranza di una vita accettabile e indipendente. "Non potrà camminare", avevano detto, "né forse intendere". Ma la famiglia non ha smesso mai di credere e di lottare. Contro tutto e contro tutti, sorretta dalla fede, da un amore immenso e da una straordinaria complicità, oltre che da una sanità che ha funzionato bene e da medici in gamba. I miglioramenti prima modesti, poi sempre più importanti, afferrati con la forza della determinazione, della speranza. Fino a che Cristina, che non può parlare, impara prima a coordinare i movimenti, poi a camminare (seppure aiutata), infine a scrivere al computer con un solo dito. E così si scopre che dietro un fisico imperfetto c'è un cervello straordinario, che capisce tutto, impara e ha sempre seguito - anche quando niente lo lasciava immaginare - tutto ciò che le accadeva attorno. Una ricchezza immensa di sentimenti che trasmette tramite un linguaggio tutto suo, elaborato e studiato per compensare le difficoltà ed esprimersi in modo compiuto. Così Cristina vince lo scorso anno un premio giornalistico riservato alle scuole (lei frequenta ora il quarto liceo socio-pedagogico) firmandosi "Sirena senza coda" per non farsi identificare e avere ipotetici vantaggi dal suo stato. Nasce così Sirena senza coda, un romanzo elaborato da Cristina e da chi scrive, che ha trovato l'attenzione di una grande casa editrice nazionale. Una storia - ambientata a Rimini e con nomi diversi - che parte dalla sua vicenda personale e poi diviene romanzo per riflettere sulle cose della vita e dell'handicap, sul valore dell'esistenza e sulla felicità, con Cristina che ha voluto fortemente questo grande impegno per dire a tutti di non fermarsi alle apparenze, di non giudicare dall'aspetto esteriore, che c'è sempre una possibilità. Quello che Cristina fa sognare a Gemma, la protagonista del romanzo, una ragazza come lei. Quello che possiamo in fondo sperare tutti se sapremo tornare alla cultura del sentimento.

Compra il libro:

link acquista
decorazione blank 2
decorazione blank 2decorazione blank 2decorazione bottomright

recensione: Madre vendetta (Annamaria Barbato Ricci)

decorazione topleftdecorazione blank 1decorazione blank 2
decorazione blank 1

Annamaria Barbato Ricci: un amore con gli occhi della morte

 
Giancarlo Trapanese, col suo nuovo romanzo "Madre vendetta" dà voce al crescente femminicidio che inquina i rapporti fra uomo e donna.

Si può cominciare a leggere un libro dall’appendice? Io l’ho fatto, stavolta, col romanzo di Giancarlo Trapanese “Madre Vendetta – Storia di un perdono impossibile” (Vallecchi).
Quell’appendice mi ha attratta come un magnete.

Un elenco: 133 nomi femminili in ordine temporale dal 1989 al 2011. Accanto, la notazione: marito, convivente, fidanzato, ex, amico eccetera. E’ la sconvolgente lista della strage delle innocenti. La mattanza delle donne. Il femminicidio.
Le più familiari sono le ultime: Sara, Yara, Carmela. La nostra memoria breve sui fattacci, aiutata dai plastici di Bruno Vespa, non ha fatto ancora evaporare il ricordo dell’accanimento con cui la loro triste storia è stata dissezionata sui giornali, nelle chiacchiere oziose da ufficio o da salotto.
Il romanzo del collega Trapanese, giornalista presso la RAI di Ancona, è simbolicamente dedicato a loro, al loro martirio. A quella feroce, cieca, incomprensibile rabbia con la quale il loro carnefice ha infierito per cancellarle dalla faccia della Terra.

In filigrana, le domande di sempre: perché questa reazione dissennata che pone fine col sangue ad un rapporto sentimentale, o amicale, o familiare? Oppure, in altri casi – come quello romanzato dall’Autore – perché il rifiuto assoluto di accettare che una relazione si sia esaurita, sia ormai una camicia di contenzione? Perché immolare non solo l’altrui vita, ma anche la propria in nome di una prevaricante violenza?

La vicenda raccontata dal giornalista è un puzzle delle tante storie ricavabili da quell’angosciante elenco. Prende le mosse da un’alba bolognese di dicembre, nella redazione RAI, nel giro di routine presso le Forze dell’Ordine che fa parte del quotidiano di ogni redattore TV.
Chissà quante ne avrà vissute lo stesso Trapanese che riesce a tracciare la figura del protagonista giornalista del romanzo, Giorgio Catanese con un tale accento di verità – senza trasbordare la mitizzazione del giornalista detective, quasi eroico, di maniera; anzi, inserendoci i rovelli interiori in cui ognuno di noi può riconoscersi – che incoraggia ancora di più a leggere. Un romanzo dove tutto è verisimigliante, dunque, che percorre un itinerario doloroso di un amore finito in omicidio, fino ad un doppio esito mortale (anzi, più che doppio).
Luce, diciannovenne radiosa come il suo nome, non è arrivata a vent’anni. L’ha spenta il suo Manuel, di qualche anno più grande, per ragioni non confessate. Gelosia, rifiuto della fine di un amore, non si sa.

Malgrado lui si protesti innocente, viene condannato a ventidue anni di carcere. Il buonismo delle leggi italiane lo fa liberare dopo appena tredici.
Il dramma scoppia poco dopo. Uscito di prigione, lui torna a casa, nell’incantevole Bertinoro, nella palazzina accanto alla famiglia della ragazza, dove abitano ancora la madre ed il fratello di lei. La situazione è insostenibile, i Carabinieri riescono ad ottenere che Manuel e sua madre si trasferiscano.

Il trasloco non si realizza, perché, appena prima, Manuel, che ha cominciato a lavorare in un forno-pasticceria locale, malgrado in carcere si sia persino laureato, viene travolto da un pirata della strada, mentre si sta recando al lavoro ad un’ora antelucana.
Il giovane è ricoverato in ospedale, ma non uscirà più dal coma. Al giornalista della sede RAI appare per istinto che non si tratta di un episodio da archiviare come incidente fortuito. Risale ai fatti che hanno segnato la giovane vita di Manuel; nel frattempo, si identifica l’auto killer: appartiene al fratello di Luce, ma, stranamente, sia la madre che l’uomo si autoaccusano dell’investimento. Intanto, Manuel vegeta in coma, fino a morirne. E Giorgio è preso da una sorta di magheria, vuole capire il nocciolo della questione, quei due che si autoaccusano, scagionandosi l’un l’altro, non lo convincono. S’instaura un rapporto molto umano con il maresciallo comandante della Stazione dei Carabinieri, poi col singolare, coltissimo parroco; nel frattempo, intreccia un dialogo molto umano e toccante con la madre di Luce, poi, col suo riluttante fratello. Infine, Giorgio riesce ad aprire una squarcio d’interlocuzione persino con la madre di Manuel.

Intorno a tutto ciò, che si consuma a cavallo fra il 16 dicembre e l’8 marzo (quant’è emblematica, quest’ultima data!), la sua vita professionale, ma, soprattutto, familiare ci danno quasi la consapevolezza che la sua penna scriva con l’inchiostro della verità autobiografica.
Un romanzo coinvolgente, perché scritto con passione e per passione. Quella di far parlare e giungere alla coscienza civile la triste situazione delle donne sterminate da uomini confusi e violenti; la ricerca incessante di giustizia da parte dei familiari delle vittime. Un libro che mi resterà tatuato nel cuore.


Recensione del libro Madre Vendetta scritto da Giancarlo Trapanese
Torna al menù recensioni

Info critico

Nome: Annamaria
Cognome: Barbato Ricci
Giornalista e scrittrice
Sito Web: clicca qui
Annamaria Barbato Ricci

...note:

Giornalista e scrittrice, laureata in Giurisprudenza ed avvocato, autrice del libro "Le Italiane" (Castelvecchi) che raccoglie le biografie di donne autorevoli di questi 150 anni di storia italiana, scritte da importanti scrittrici, giornaliste, firme eccellenti, i proventi del quale, con l’adesione delle coautrici, sono stati devoluti all’Associazione Telefono Rosa di Roma.

Compra il libro:

link acquista
decorazione blank 2
decorazione blank 2decorazione blank 2decorazione bottomright

recensione: Madre vendetta (Maria Lampa)

decorazione topleftdecorazione blank 1decorazione blank 2
decorazione blank 1

Recensione di Maria Lampa

 
Ho letto MADRE VENDETTA e lo consiglio a tutti! E' un libro che "spettina i pensieri", provoca domande, mette dubbi e "costringe" a guardarci dentro e a vedere come siamo fatti e come facilmente siamo tentati di schierarci da una parte o dall'altra dei personaggi. Il protagonista giornalista Giorgio Catanese si mette fuori dalle parti e vuole sentire entrambe le versioni prima di trarre conclusioni. . . . con il beneficio del dubbio. Una ottima lezione di vita, un momento di riflessione per tutti, in uno straordinario modo di portarti dentro la storia tanto da viverla sulla pelle.

Info critico

 
Maria Lampa - Scrittrice
Nome: Maria
Cognome: Lampa
Scrittrice
Sito Web: clicca qui
Email: clicca qui

Maria Lampa

E' nata a Castelfidardo nel 1953. Ha studiato in collegio, conseguendo il diploma di maturità magistrale. Oggi è in pensione, dopo aver lavorato in una azienda metalmeccanica per trentacinque anni, occupandosi degli acquisti, del settore commerciale e dell'organizzazione produttiva. Da venticinque anni si occupa di comunicazione, promuovendo seminari per il benessere psico-fisico dell'uomo, in ogni contesto. Continua ad essere impegnata a fare volontariato nel settore sanitario e culturale. Oggi sta dedicando parte delle sue energie a scrivere considerazioni, riflessioni, strategie utili per una vita di successo in ogni ambito, quello familiare, di lavoro, con gli amici, attingendo alla propria esperienza pratica.

Compra il libro:

link acquista
decorazione blank 2
decorazione blank 2decorazione blank 2decorazione bottomright


 


presentazioni | libri