recensioni libri 

Giancarlo Trapanese 


Chi mi ha ucciso? - thriller metafisico, sospeso tra reale e fantastico - romanzo scritto da Giancarlo Trapanese
giancarlotrapanese@giancarlotrapanese.it
decorazione topright
decorazione bottomleft


news

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1
CHI MI HA UCCISO? A Teatro
"CHI MI HA UCCISO? A TEATRO
Macerata, Teatro Lauro Rossi

Domenica 26 Novembre, ore 17:15, la compagnia "Teatro del sorriso" e Giancarlo Trapanese presentano la commedia in tre atti, liberamente tratta dall'omonimo romanzo.
49° Festival nazionale premio Angelo Perugini
Presentazione


decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

il blog di Giovanni

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Il blog più pungente della rete - Il blog di Giancarlo Trapanese

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Giovanni Trapanese photographer fotografo avvocato

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Gloria Trapanese psicologa clinica Ancora donna prevenzione

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

copertine dei libri di giancarlo trapanese

decorazione topleft decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Chi mi ha ucciso? - Giancarlo Trapanese
La giusta scelta - Giancarlo Trapanese
Ascoltami - Giancarlo Trapanese
Ascoltami - Giancarlo Trapanese
Quella Volta che. . .avventure e ricordi di Alceo Moretti - 2010 - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Sirena senza coda - libro scritto da Giancarlo Trapanese e Cristina Tonelli
Da quanto tempo - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Luna Traversa - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Se son fiori... - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Calcio a 5 lo sport del 2000 - libro scritto da Giancarlo Trapanese
decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione 1-bottomright



lista recensioni

decorazione topleft decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Vedi tutte le recensioni

Chi mi ha ucciso?

Agnese Testadiferro
Andrea Marinelli
Antonio Luccarini
Benedetta Grendene
Elisa Frare
Francesca Cipolloni
Francesco Caferri
Giuseppe Campanelli
Laura Margherita Volante
Raimondo Montesi
Sergio Gigliati
Silvano Staffolani
Teodora Stefanelli
Valerio Calzolaio

La giusta scelta

Benedetta Grendene
Catiuscia Ceccarelli
Collettivo Idra
Cristina Tonelli
Giuseppe Modugno
Il Lucano Potenza
L'Azione Fabriano
Marco Mittica
Norma Stramucci

Madre vendetta

Adnkronos IGN
Annamaria Barbato Ricci
Antonio Luccarini
Cristina Tonelli
Edda Lavezzi Stagno
Francesco Greco
Gigi Avanti
Giorgio Iacobone
ilRestoDelCarlino.it Web
Luciano Gregoretti
Maria Lampa
Maria Rita Parsi
Moreno Giannattasio
Noodls Web
Norma Stramucci
Silvana Coricelli
Tito Stagno

Ascoltami

Antonio Luccarini
Chiara Giacobelli
Cristina Tonelli
CronacheMaceratesi.it Web
Giorgio Iacobone
ilRestoDelCarlino.it Web
laprimaweb.it Web
Lucio Zarletti
Paolo Pandolfi
viverecivitanova.it

Quella volta che. . .

Ferruccio De Bortoli

Sirena senza coda

Alessandro Moscè
Asmae Dachan
Chiara Giacobelli
Gian Paolo Grattarola
Giorgio Iacobone
IlMascalzone.it Web
IlQuotidiano.it Web
Michele Antognoni
Paolo Pandolfi
Raffaele Mazzei
RivieraOggi.it Web
SanMarinoRTV.sm
Silvana Coricelli
Sito del Comune di Venezia Web

Da quanto tempo

Alessandro Moscè
Anna Maria Ragaini
Asmae Dachan
Lucio Felici
Maria Lampa
Norma Stramucci
Paolo Parimbelli

Luna traversa

Alice Ragni
Antonio Luccarini
Anuska Pambianchi
Dr Antonio Bruni
Gigi Avanti
Giulia Ruffoni
Kruger Agostinelli
Maria Grazia Capulli
Mohamed Nour Dachan
Norma Stramucci
Sergio Angeletti
Sherif El Sabaie

Se son fiori

Enrico Capodaglio
Francesco Alberoni
Francesco D’Aniello
Giuseppe Possedoni
Silvana Coricelli
decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione 1-bottomright

decorazione black 4



recensione: Chi mi ha ucciso? (Laura Margherita Volante)

decorazione topleftdecorazione blank 1decorazione blank 2
decorazione blank 1

"Chi mi ha ucciso?" - Laura Margherita Volante conversa con Giancarlo Trapanese

 
EDIZIONI NUOVE SCRITTURE - BIBLIOTECA ODISSEA (libertariam.blogspot.it)

Laura Margherita Volante conversa con Giancarlo Trapanese

Volante.
Tu Giancarlo, che hai iniziato l'attività di giornalista scrivendo per il Resto del Carlino e Corriere Adriatico
e poi in Rai collaborando con importanti trasmissioni sportive, come sei passato a quel fuoco sacro della scrittura
letteraria con romanzi di indubbio successo, percorso che inizia nel 1990 proseguendo fino al tuo ultimo romanzo
"Chi mi ha ucciso?" (Italic-Pequod editore)?

Trapanese.
Forse è stata proprio la constatazione che per tanti, tantissimi anni (ora sono 42) di giornalismo e di impegno in questo settore,
la dittatura del tempo e dello spazio (le trenta righe o il minuto e mezzo) l'ho sempre sofferta troppo, nel senso che era per me
difficilissimo esprimere in modo esaustivo e compiuto le sensazioni e le riflessioni che tanti fatti (soprattutto di cronaca nera) mi provocavano.
Così piano piano è maturato il desiderio di mettermi davanti al computer senza un limite, di ascoltare ciò che mente
e cuore suggerivano senza lacci e confini e affrontare temi importanti e delicati che sentivo miei.

V. I premi legati all'attività di scrittore e non solo ormai non si contano più. La passione per la psicologia e il couseling quanto
hanno inciso sui temi centrali dei tuoi romanzi e quanto invece le tue esperienze personali ed esistenziali? Si intrecciano
o fanno parte di un'innata sensibilità volta ad esplorare i meandri anche più oscuri dell'anima umana?

T. Sono decisamente uno psicologo mancato, è vero. Alla mia epoca (parliamo del 1972) la facoltà di psicologia di Roma era unica e ai primi passi,
non esisteva ancora l'ordine degli psicologi e quando espressi il desiderio di andare in quella direzione trovai comprensibili
opposizioni in famiglia perché si trattava di una professione tutta da delineare dove Freud ancora dettava legge (o quasi).
Così mi limitai a leggere molto di psicologia, mi iscrissi a Legge e nel frattempo seguivo gli studi (in psicologia)
di una mia amica leggendo i suoi testi, approfondendo argomenti. Chiaro che questa passione unita poi al mio lavoro
hanno creato grandi opportunità di analisi e riflessione e che quindi le due passioni si siano saldate più che intrecciate.
Devo dire che senza alcuna spinta da parte mia (anzi. . .) mia figlia Gloria ha intrapreso quella strada ed è divenuta psicologa
ed anche direi una psicologa di grande sensibilità. . . . . .
Link recensione: Visita il link


Biblioteca Odissea (libertariam.blogspot.it) - intervista di Giancarlo Trapanese
Torna al menù recensioni

Info critico

Nome: Laura Margherita
Cognome: Volante
Pedagogista Fiped, docente Universitaria, scrittrice
Sito Web: clicca qui
Laura Margherita Volante

"Chi mi ha ucciso?" - Laura Margherita Volante conversa con Giancarlo Trapanese

Laura Margherita Volante, è nata ad Alessandria, ma risiede ad Ancona. Pedagogista Fiped (Federazione Italiana Pedagogisti) svolge numerose e svariate attività in campo socio-umanitario ed educativo verso i più deboli. Ha svolto e sta svolgendo tuttora attività di docente universitaria.

Compra il libro:

link acquista
decorazione blank 2
decorazione blank 2decorazione blank 2decorazione bottomright

recensione: Chi mi ha ucciso? (Andrea Marinelli)

decorazione topleftdecorazione blank 1decorazione blank 2
decorazione blank 1

"Chi mi ha ucciso?" - recensione di Andrea Marinelli

 
RECANATI - Andrea Marinelli scrive su Facebook sulla spendida serata a Recanati, al Centro studi Leopardiani.

Una serata piena di fascino e suggestioni quella vissuta ieri sera all'Auditorium del Centro Mondiale della Poesia per la presentazione del libro "CHI MI HA UCCISO?" di Giancarlo Trapanese. Una grande partecipazione di pubblico per un romanzo che si inserisce nella tradizione del giallo d'autore, ma che si apre allo stesso tempo ad una dimensione più ampia che sfuma nel surreale degli spazi, degli ambienti e dei personaggi. Ringrazio Giancarlo per questa nuova perla che ci ha saputo regalare, ma anche per l'onore ricevuto attraverso il conferimento del compito di dover esprimere il giudizio critico letterario dell'opera sul palco dell'Auditorium. Interessantissime le analisi dell'ex questore Giorgio Iacobone sulle dinamiche dell'azione investigativa e delle sue evoluzioni nel tempo. Ottimo come sempre anche Roberto Tanoni come Cerimoniere della serata e perfetto negli allestimenti. Bravissimi Mattia Rugiano e Stefano Perniola della Scuola Civica di Musica e gli attori Antonio Lucarini, Giulia Poeta e tutti i ragazzi del Teatro Instabile. Emozionante infine l'interpretazione di Imagine della musicista Grazia Barboni Carniani.
Link recensione: Visita il link


Recensione su Facebook - Andrea Marinelli - presentazione del libro
Torna al menù recensioni

Info critico

Nome: Andrea
Cognome: Marinelli
Assessore alla Cultura Recanati
Sito Web: clicca qui
Andrea Marinelli

"Chi mi ha ucciso?" di Giancarlo Trapanese

Andrea Marinelli 39 anni Presidente Commissione Cultura del Comune di Recanati. Nato a Recanati, sposato con l'Architetto Elisabetta Menghini. Laureato in Filosofia e in Storia e con una magistrale in Scienze e Risorse della memoria. Dottorato di ricerca e collaborazioni con diverse Università, tra le quali anche le spagnole Valencia e Madrid.

Compra il libro:

link acquista
decorazione blank 2
decorazione blank 2decorazione blank 2decorazione bottomright

recensione: Chi mi ha ucciso? (Sergio Gigliati)

decorazione topleftdecorazione blank 1decorazione blank 2
decorazione blank 1

"Chi mi ha ucciso?" recensione di Sergio Gigliati su LaFolla.it

 
Giovedì 17 dicembre Milano Tac Teatro di via Ponte Nuovo - Sergio Gigliati scrive sul periodico on-line LaFolla.it
Link recensione: Visita il link


Recensione del giornale on-line
Torna al menù recensioni

Info critico

Nome: Sergio
Cognome: Gigliati
Giornalista di LaFolla.it, periodico on-line di politica e cultura
Sito Web: clicca qui
Sergio Gigliati - LaFolla.it

"Chi mi ha ucciso?" di Giancarlo Trapanese

Giornalista del giornale "La Folla del XXI Secolo" - periodoco on-line di politica e cultura

Compra il libro:

link acquista
decorazione blank 2
decorazione blank 2decorazione blank 2decorazione bottomright

recensione: Chi mi ha ucciso? (Francesco Caferri)

decorazione topleftdecorazione blank 1decorazione blank 2
decorazione blank 1

"Chi mi ha ucciso?" recensione di Francesco Caferri

 
RECENSIONE LIBRO TRAPANESE "Chi mi ha Ucciso"
Il decimo romanzo del giornalista –scrittore Giancarlo Trapanese, questo suo "Chi mi ha ucciso?" (per i tipi della Italic Pequod) è probabilmente il suo più rivoluzionario e coraggioso.
Un giallo che affonda le radici nella tradizione del noir e poi vira di 360 gradi divenendo persino metafisico e ardito (sia pure sempre con evidenti basi scientifiche)
e dall'altra parte concedendo affascinanti spazi alla tratteggiatura dei personaggi, alla loro controversa umanità, al pirandelliano dramma del vedersi vivere.

Diciannove personaggi, uomini e donne, di età e provenienza diverse, si ritrovano in una misteriosa villa settecentesca, situata in un luogo indefinito; sono stati invitati a trascorrervi un breve soggiorno da un chimerico personaggio: "L'Autore".

Nessuno di loro è riuscito a rifiutare l'invito, pur non conoscendone il motivo.
Ma prima della cena rivelatrice di verità annunciate, in un clima ai confini della realtà, un delitto oscuro sconvolge le esistenze di tutti e provoca drammatici interrogativi.
Saranno il maresciallo Luigi Braschi e il suo amico giornalista Giorgio Catanese a condurre le indagini, mentre gli altri personaggi intrecciano trame d'amore e di risentimento:
una lotta per la verità, che porta alla consapevolezza dell'inconsistenza e della mancanza di senso di ogni rigida distinzione tra realtà e irrealtà, e in generale tra piani dimensionali diversi (la villa stessa sembra essere una sorta di "stargate" tra universi paralleli.

Colpi di scena, finale a sorpresa come in ogni giallo che si rispetti, non mancano ma a legare il tutto è quella attenzione affettuosa, rispettosa che l'autore (quello con la a minuscola) ha per tutti i suoi personaggi che riesce a muovere con invisibili e resistenti fili in una storia poliedrica e a tratti persino divertente.

Non rinuncia, Trapanese, come negli altri suoi romanzi, alla connotazione umanistica, alla morale di fondo alla quale si giunge avidamente, leggendo la sua prosa scorrevole ed immediata divorando capitoli e storie con l'ansia di sapere che cosa riserva il futuro della storia, anche se,
ci spiega bene uno dei protagonisti citando Sant'Agostino, il tempo è una illusione: il passato è andato, il presente è l'attimo impercettibile tra il passato ed un futuro che non c'è.

Francesco Caferri
Link recensione: Visita il link


Francesco Caferri scrive una recensione sul libro
Torna al menù recensioni

Info critico

Nome: Francesco
Cognome: Caferri


Compra il libro:

link acquista
decorazione blank 2
decorazione blank 2decorazione blank 2decorazione bottomright

recensione: Chi mi ha ucciso? (Silvano Staffolani)

decorazione topleftdecorazione blank 1decorazione blank 2
decorazione blank 1

"Chi mi ha ucciso?" recensione di Silvano Staffolani

 
Metti che ti presentino un libro il cui soggetto è "invito a cena con delitto", la prima cosa che puoi pensare è che il tutto sarà estremamente banale e scontato visto quanti altrettanti scrittori si sono cimentati proprio con un argomento simile;
può esserci la possibilità che, dato il punto di partenza, il tutto possa svilupparsi in maniera originale e/o comunque appassionare il lettore che viene a trovarsi tra le mani il volume scritto dall'autore Giancarlo Trapanese?

L'autore. . . .e già, qui cominciano le prime sorprese perché abbiamo un autore certo che è proprio il suddetto giornalista scrittore ma, fin dalle prime pagine, si entra in contatto con un altro autore
(e di quest'ultimo non ci è dato sapere il nome) ed è il misterioso latore delle lettere che alcuni personaggi hanno ricevuto, missive in cui li si invita a passare un fine settimana in una villa dove avrebbero ricevuto importanti comunicazioni a loro riservate.
I personaggi. . . .ovviamente se c'è un autore ci sono anche i personaggi, si può però avere la certezza di sapere a quale categoria apparteniamo? Si capisce fin dalle prime pagine che non troveremo niente di così rassicurante come una storia già letta,
e se ci si aspettava una rilettura del classico giallo con il maggiordomo che ha sempre tutte le colpe ebbene la sorpresa è doppiamente piacevole perché la storia prende subito strane pieghe, a volte metafisiche, e ogni qualvolta finalmente si ha la certezza di aver dissipato la matassa e scoperto per primo il perché...ci troviamo di punto a capo.

Non c'è il timore si svelare la trama se si racconta che, ebbene sì, c'è una villa isolata, ci sono gli invitati a cena e. . . .c'è un delitto ma tutto questo diviene una sorta di ricamo intorno alle vicende che, in qualche modo sono vicende dove qualsiasi lettore può riconoscere un po' di sé stesso.
I personaggi sono tutti ben identificati nei loro caratteri (sarà forse perché sono personaggi che provengono da altri libri?) e sembra di conoscerli da sempre, lo scrittore veramente grande è quello che con poche parole riesce a farti "vedere" ciò di cui sta parlando e in questo caso capiterà più volte di sentirsi osservatori presenti molto ma molto da vicino.

Le domande che man mano leggeremo nei dialoghi sono le stesse che spesso tutti noi ci facciamo, e magari alcune riflessioni ci aiuteranno ad avere alcune risposte che mai ci sono arrivate. Possiamo sentirci vicini a qualcuno distante nello spazio e/o nel tempo? Possiamo cambiare in qualche modo il nostro destino o influenzare quello di chi abbiamo vicino?
E' data a tutti questa possibilità? Giancarlo Trapanese prova a farci ragionare sull'argomento e fornisce alcune indicazioni utili affinché possiamo trovare la risposta più giusta per ciascuno di noi e che è possibile solo con la dovuta attenzione ai particolari che una vita troppo distratta spesso non considera.
Partendo da quella che potrebbe sembrare dunque una banalissima cena con delitto si arriva a concepire una storia sorprendentemente originale dove il tempo e lo spazio si fondono e il presente corre il rischio di dilatarsi cancellando ogni possibilità di futuro, non è forse una paura comune?

Vi renderete conto una volta terminato il libro che è già tempo di riprenderlo in mano, perché i personaggi che ci hanno salutato solo alcuni istanti fa attendono solo noi per tornare in vita, mica per una stanca e inutile ripetizione bensì per una ulteriore "parallela" possibilità.

Buona lettura.

Silvano staffolani
Link recensione: Visita il link


Silvano Staffolani scrive una recensione sul libro
Torna al menù recensioni

Info critico

Nome: Silvano
Cognome: Staffolani
Musicista - Chitarrista
Sito Web: clicca qui
Email: clicca qui
Silvano Staffolani

"Chi mi ha ucciso?" di Giancarlo Trapanese

Nato ad Osimo (AN) nel 1967, giusto in tempo per assorbire tutte le contestazioni del '68 a (sua) memoria futura; passa una infanzia serena fino all'incontro adolescenziale con la musica dei Ramones e dal quel momento niente sarà più come sembra. Una chitarra acustica è stato il primo strumento musicale ma a breve sarebbero arrivati i suoni elettrici e distorti.

Compra il libro:

link acquista
decorazione blank 2
decorazione blank 2decorazione blank 2decorazione bottomright


 


presentazioni | libri