la stampa 

Giancarlo Trapanese 


Chi mi ha ucciso? - thriller metafisico, sospeso tra reale e fantastico - romanzo scritto da Giancarlo Trapanese
giancarlotrapanese@giancarlotrapanese.it
decorazione topright
decorazione bottomleft


news

decorazione blackdecorazione black 1decorazione black 1
decorazione black 1
CHI MI HA UCCISO? A Teatro
"CHI MI HA UCCISO? A TEATRO
UN PRODOTTO TUTTO MADE IN ANCONA

Ed è andata meravigliosamente...
Un grazie grande come il mondo alle ottocento persone che hanno deciso di vivere insieme a noi questo magico e folle fine settimana di Teatro.
E' stato emozionante, divertente e intenso.

"Benvenuti a teatro, dove tutto è finto ma nulla è falso!" dice il Grande Maestro Gigi Proietti.
Niente di più vero…
Foto Album

CHI MI HA UCCISO? A Teatro
"CHI MI HA UCCISO? A TEATRO

Domenica 6 Agosto alla Mole di Ancona, "Chi mi ha ucciso?" a Teatro, commedia con delitto in tre atti. . . .
Foto Album


decorazione black 1
decorazione black 1decorazione black 1decorazione black 2

il blog di Giovanni

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Il blog più pungente della rete - Il blog di Giancarlo Trapanese

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Giovanni Trapanese photographer fotografo avvocato

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Gloria Trapanese psicologa clinica Ancora donna prevenzione

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

copertine dei libri di giancarlo trapanese

decorazione topleft decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Chi mi ha ucciso? - Giancarlo Trapanese
La giusta scelta - Giancarlo Trapanese
Ascoltami - Giancarlo Trapanese
Ascoltami - Giancarlo Trapanese
Quella Volta che. . .avventure e ricordi di Alceo Moretti - 2010 - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Sirena senza coda - libro scritto da Giancarlo Trapanese e Cristina Tonelli
Da quanto tempo - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Luna Traversa - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Se son fiori... - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Calcio a 5 lo sport del 2000 - libro scritto da Giancarlo Trapanese
decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione 1-bottomright


articoli|recensioni|critiche|rassegne stampa sui libri di giancarlo trapanese:

decorazione topleft decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1
Rassegna stampa di Chi mi ha ucciso?
Rassegna stampa di La giusta scelta
Rassegna stampa di Madre vendetta
Rassegna stampa di Ascoltami
Rassegna stampa di Quella volta che. . .
Rassegna stampa di Sirena senza coda
Rassegna stampa di Da quanto tempo
Rassegna stampa di Luna traversa
Rassegna stampa di Se son fiori
decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione 1-bottomright

Centro Pagina - Chi mi ha ucciso: spettacolo sold out allo Sperimentale di Ancona

decorazione 1-topleft decorazione blank 1 decorazione blank 1
decorazione blank 1
Centro Pagina - 4 aprile 2017
"Chi mi ha ucciso": spettacolo sold out allo Sperimentale di Ancona, di Teodora Stefanelli

Centro Pagina - Chi mi ha ucciso: spettacolo sold out allo Sperimentale di Ancona

Centro Pagina - Smart News dal territorio Grande successo per la prima dello spettacolo teatrale tratto dall'omonimo libro del giornalista e scrittore Giancarlo Trapanese, diretto da Giampiero Piantadosi e interpretato dalla Compagnia Teatro del Sorriso. Si conclude in uno scroscio di applausi lungo dieci minuti lo spettacolo “Chi mi ha ucciso“, un giallo teatrale, tratto dall’omonimo romanzo del giornalista e scrittore Giancarlo Trapanese, la cui prima si è tenuta al Teatro Sperimentale di Ancona sabato 1 e domenica 2 aprile. In due sere lo Sperimentale si è riempito di ottocento persone, tant’è che durante la prima serata, il tutto esaurito ha costretto diversi spettatori a rimandare di un giorno la visione dell’opera. Poco prima dell’inizio dello spettacolo, l’ideatore del libro, Giancarlo Trapanese, è passato a salutare il pubblico con un grande sorriso, spendendo qualche parola sul palco: «Sono emozionatissimo all’idea di vedere un lavoro teatrale tratto dal mio libro – ha dichiarato in sala prima che si spegnessero le luci – e mi rende orgoglioso sapere che, a partire dal romanzo, alla casa editrice, al regista, agli sceneggiatori, alle bellissime scenografie, fino alle maestranze, tutto quanto è fatto nelle Marche ed è marchigiano. E questo non può che farmi un immenso piacere. Ringrazio chi è venuto ad assistere oggi a questo spettacolo molto caro per me. Spero vi piaccia!». Presente in sala anche l’assessore regionale alla cultura Moreno Pieroni: «Nel nostro territorio – dichiara – occorre fare di più per incrementare il patrimonio culturale. Coniugando cultura e turismo, soprattutto in questo brutto periodo post-sisma, si possono ottenere grandi risultati, e questa sera vediamo un esempio di ciò di cui parlo. Ringrazio Giancarlo e la compagnia per avermi invitato, il Comune di Ancona che ha patrocinato l’evento e vi porto i cari saluti del presidente della Regione Ceriscioli». A rendere speciale l’opera in tre atti sono stati soprattutto gli attori della Compagnia Teatro del Sorriso e il regista-attore Giampiero Piantadosi, che, oltre a dirigere il lavoro, ha interpretato magistralmente il ruolo del maresciallo dei Carabinieri Braschi, uno dei protagonisti del mistero noir. La storia, infatti, è una sorta di thriller colto e narra di nove sconosciuti che si ritrovano in una lussuosa casa del ‘700 sperduta nel nulla. Tutti sono stati invitati a cena da un miserioso “Autore” e, solo alla fine, si scoprirà che quegli stessi invitati altro non erano che i protagonisti dei libri di quest’ultimo. Vedendo lo spettacolo si intuisce fin da subito come l’opera sia molto dinamica e in continuo divenire: si gioca su stili e registri diversi, si passa dal comico al serioso, si toccano temi come il femminicidio, la vecchiaia, la giovinezza, i sogni, le speranze, i fallimenti e la relatività del tempo, per un mix vincente che colpisce subito il cuore dello spettatore. Recensione di Teodora Stefanelli
decorazione blank 1
decorazione blank 1 decorazione blank 1

Corriere Adriatico - Trapanese fa ancora centro con il noir chi mi ha ucciso?

decorazione 1-topleft decorazione blank 1 decorazione blank 1
decorazione blank 1
Corriere Adriatico - 03/04/2017
Trapanese fa ancora centro con il noir "Chi mi ha ucciso?"

Corriere Adriatico - Trapanese fa ancora centro con il noir chi mi ha ucciso?

Corriere Adriatico - Applausi per la compagnia diretta da Piantadosi E' sold-out allo Sperimentale di Ancona con il Teatro del Sorriso Una standing ovation e dieci minuti reali di applausi per la compagnia "Teatro del Sorriso" alla prima nazionale di "Chi mi ha ucciso?" il giallo teatrale liberamente tratto dal romanzo di Giancarlo Trapanese grazie alla sceneggiatura del regista Giampiero Piantadosi. Nelle due serate allo sperimentale quasi ottocento persone, un sold-out da brivido alla prima e un altissimo gradimento del pubblico per un lavoro tutto made in Ancona. . . .
decorazione blank 1
decorazione blank 1 decorazione blank 1

Ankonmagazine - Giornale on line dell'Amministrazione comunale di Ancona - chi mi ha ucciso?

decorazione 1-topleft decorazione blank 1 decorazione blank 1
decorazione blank 1
Ankonmagazine
"Chi mi ha ucciso" di Trapanese allo Sperimentale il 1° e 2 aprile

Ankonmagazine - Giornale on line dell'Amministrazione comunale di Ancona - chi mi ha ucciso?

Ankonmagazine - Giornale on line dell'Amministrazione comunale di Ancona "Chi mi ha ucciso" di Trapanese allo Sperimentale il 1° e 2 aprile Un anno di lavoro prima per la riduzione del testo (in stretta collaborazione tra l'autore del romanzo e il regista) poi il lavoro di adattamento teatrale realizzato da Giampiero Piantadosi ed infine mesi e mesi di prove. Così il Teatro del sorriso ha preparato questo "Chi mi ha ucciso?"tre atti per un giallo affascinante e surreale, decisamente innovativo, un lavoro complesso che ha impegnato e divertito i ben 14 attori che saranno in scena. Sabato 1° aprile alle 21.00 allo Sperimentale di Ancona e Domenica 2 aprile alle 17 i primi due appuntamenti che rappresentano la prima nazionale di un lavoro che è stato interamente concepito e realizzato nelle Marche. In particolare ad Ancona: dalla casa editrice (Italic Pequod), all'autore del romanzo uscito un anno fa (Giancarlo Trapanese) e che ha ottenuto un ottimo successo, al regista e sceneggiatore, a tutto il cast (persino i tecnici) tutti marchigiani e quasi tutti di Ancona. per questo l'assessorato alla cultura del Comune e la giunta tutta hanno voluto sostenere con il patrocinio questo prodotto teatrale in una operazione culturale persino supportata da una insolita ed inusuale iniziativa della casa editrice. Sarà infatti in vendita in occasione delle serate teatrali (ne sono previste diverse in tutte le Marche sia in questa prima fase che nella stagione 2017-2018) una edizione economica e ridotta (ma l'essenziale c'è tutto) del romanzo giallo originale con le note di regia a far da prefazione , la trama teatrale, gli interpreti e persino le prime foto di scena) per quanti incuriositi vorranno risalire al romanzo che ha dato l'avvio a questo lavoro. E cosa da sottolineare (ed essenziale trattandosi di un giallo) autore e sceneggiatore hanno concordato e studiato un finale diverso tra commedia e libro in modo da non dare nulla per scontato. Link video: http://www.comune.ancona.gov.it/ankonline/ankonmagazine/wp-content/uploads/sites/6/2017/03/20170330_120256.mp4
decorazione blank 1
decorazione blank 1 decorazione blank 1

Giorno e notte - A Teatro "Chi mi ha ucciso?" Da un libro di Trapanese

decorazione 1-topleft decorazione blank 1 decorazione blank 1
decorazione blank 1
Giorno e Notte - 31/03/2017
A Teatro "Chi mi ha ucciso?" Da un libro di Trapanese

Giorno e notte - A Teatro Chi mi ha ucciso? Da un libro di Trapanese

Giorno e notte - A Teatro "Chi mi ha ucciso?" Da un libro di Trapanese A testro "Chi mi ha ucciso?" da un libro di Trapanese La piéce: lo spettacolo domani e domenica allo Sperimentale di Ancona. Il regista: "Cercare strade nuove è sempre stata una nostra caratteristica". . . . Articolo di Michele Rocchetti
decorazione blank 1
decorazione blank 1 decorazione blank 1

Il Resto del Carlino - Spettacoli cultura e società - Un thrilling tra realtà e viaggi nel tempo

decorazione 1-topleft decorazione blank 1 decorazione blank 1
decorazione blank 1
Il Resto del Carlino - 31/03/2017
Un thrilling tra realtà e viaggi nel tempo. Il romanzo di Trapanese sbarca in teatro

Il Resto del Carlino - Spettacoli cultura e società - Un thrilling tra realtà e viaggi nel tempo

Il Resto del Carlino: Ancona, Spettacoli Cultura e società Al teatro Sperimentale domani e domenica con la compagnia del "SORRISO" Un thrillib tra realtà e viaggi nel tempo, il romanzo di Trapanese sbarca a teatro L'assessore Marasca: "Un'operazione tutta anconetana: ci distinguiamo". . . . Articolo di Raimondo Montesi
decorazione blank 1
decorazione blank 1 decorazione blank 1

ilmascalzone.it - l'informazione a portata di mouse - chi mi ha ucciso? a teatro -Raffaella Milandri

decorazione 1-topleft decorazione blank 1 decorazione blank 1
decorazione blank 1
ilmascalzone.it - 11/03/2017
Giancarlo Trapanese, "Chi mi ha ucciso", diventa opera teatrale

ilmascalzone.it - l'informazione a portata di mouse - chi mi ha ucciso? a teatro -Raffaella Milandri

Ancona Teatro Sperimentale: sarà ricca di colpi di scena l'opera teatrale tratta da "Chi mi ha ucciso" di Giancarlo Trapanese Dopo il grande successo ottenuto, l'ultimo libro di Giancarlo Trapanese, "Chi mi ha ucciso", diventa una opera teatrale, i personaggi prendono vita, le parole sulla carta si trasformano in parole vive e recitate da attori. La curiosità che ferve è tanta e sarà presto soddisfatta alla prima teatrale che avrà luogo sabato 1 aprile 2017 alle ore 21.00 e domenica 2 aprile 2017 alle ore 17.00 al Teatro Sperimentale di Ancona. Sarà la prima nazionale della commedia in tre atti "Chi mi ha ucciso?" che porterà ben 14 attori sul palcoscenico per una rappresentazione che già si prevede originale e ricca di colpi di scena. Intervista a cura di Raffaella Milandri. . .
decorazione blank 1
decorazione blank 1 decorazione blank 1

Il Resto del Carlino - Ancona giorno e notte - Chi mi ha ucciso? al teatro Sperimentale di Ancona

decorazione 1-topleft decorazione blank 1 decorazione blank 1
decorazione blank 1
Il Resto del Carlino - 28/02/2017
Chi mi ha ucciso? Sbarca a teatro: il libro di Trapanese diventa pièce

Il Resto del Carlino - Ancona giorno e notte - Chi mi ha ucciso? al teatro Sperimentale di Ancona

Ancona Teatro Sperimentale: va in scena "Chi mi ha ucciso?" la commedia in tre atti liberamente tratta dal noto romanzo di Giancarlo Trapanese. Il teatro del sorriso, diretto magistralmente da Giampiero Piantadosi, porta in scena una commedia innovativa, un giallo metafisico, un clima ai confini della realtà con dinamiche coinvolgenti e drammatici interrogativi a cui dare finalmente risposta.
decorazione blank 1
decorazione blank 1 decorazione blank 1

Emmaus OnLine - Chi mi ha ucciso? - Presentazione libro Giancarlo Trapanese - Macerata

decorazione 1-topleft decorazione blank 1 decorazione blank 1
decorazione blank 1
Emmaus OnLine - Media Cattolici Macerata
«Chi mi ha ucciso?»: il giallo che scava nei sentimenti emoziona Macerata

Emmaus OnLine - Chi mi ha ucciso? - Presentazione libro Giancarlo Trapanese - Macerata

Macerata, 12 maggio 2016 Aula Magna dell'Università gremita, ieri pomeriggio, per l'originale presentazione del romanzo del giornalista Rai e scrittore Giancarlo Trapanese. Un giallo in grado di scavare nelle verità della vita, lasciando parlare i sentimenti: c'erano tutti gli "ingredienti" capaci di rendere un romanzo davvero efficace ieri, 12 maggio, quando all'Università di Macerata, in un'Aula Magna gremita, il giornalista Rai e apprezzato scrittore Giancarlo Trapanese ha presentato la sua ultima creatura editoriale intitolata «Chi mi ha ucciso?» L'incontro è stato introdotto dal rettore Luigi Lacchè, che si è detto entusiasta del dinamismo letterario del giornalista, in grado di far rivivere la sua figura nel personaggio del romanzo che porta il nome di Giorgio Catanese. «Apprezzo lo stile di un amico che abbiamo avuto il privilegio di avere anche come docente in Ateneo – ha esordito Lacchè – e che seguo anche in veste di narratore, che l'ha meritatamente portato ad una ribalta non solo marchigiana ma anche nazionale». Quindi, l'elogio del Rettore, che ha paragonato lo stile del giornalista anconetano ad un altro grande scrittore, Friedrich Dürrenmatt: «In quello che ritengo uno dei testi più riusciti, attraverso il detto imperituro "Omnia vincit amor", ritroviamo nell'amore la soluzione di ogni mistero raccontato con una convincente e coinvolgente penna degna dei migliori gialli». . . . .
decorazione blank 1
decorazione blank 1 decorazione blank 1

Il Resto del Carlino - Chi mi ha ucciso? - Presentazione libro Giancarlo Trapanese - Macerata

decorazione 1-topleft decorazione blank 1 decorazione blank 1
decorazione blank 1
Il Resto del Carlino
Alla Agatha Christie, un po' fantascientifico: ecco il giallo di Trapanese

Il Resto del Carlino - Chi mi ha ucciso? -  Presentazione libro Giancarlo Trapanese - Macerata

Macerata, 12 maggio 2016 Giancarlo Trapanese presenta il suo libro "Chi mi ha ucciso?" presso l'Aula Magna dell'Università di Macerata. Aula piena per l’intervento dello scrittore e giornalista Rai, che non si è limitato ad una fredda lettura del romanzo, ma ha fatto intervenire attori e musicisti per movimentare e riscaldare l’atmosfera. «Si tratta di un romanzo – ha spiegato Trapanese – che tenta di andare oltre alla trama del giallo classico. È un caso di congetture alla Agatha Christie, ma i 19 personaggi invitati dal loro stesso Autore ad una sorta di cena con delitto capiranno ben presto di appartenere tutti non solo a luoghi diversi, ma anche ad epoche differenti. Il paradosso è presto spiegato: Einstein ci insegna che il tempo si curva. Quindi chi è in grado di dire cosa sia reale e possibile e cosa invece non lo sia?». . . . . .Elisa Frare
decorazione blank 1
decorazione blank 1 decorazione blank 1

Biblioteca Odissea - Chi mi ha ucciso? - intervista di Giancarlo Trapanese

decorazione 1-topleft decorazione blank 1 decorazione blank 1
decorazione blank 1
Odissea (libertariam.blogspot.it)
EDIZIONI NUOVE SCRITTURE - BIBLIOTECA ODISSEA Laura Margherita Volante conversa con Giancarlo Trapanese

Biblioteca Odissea - Chi mi ha ucciso? -  intervista di Giancarlo Trapanese

Laura Margherita Volante conversa con Giancarlo Trapanese Volante. Tu Giancarlo, che hai iniziato l'attività di giornalista scrivendo per il Resto del Carlino e Corriere Adriatico e poi in Rai collaborando con importanti trasmissioni sportive, come sei passato a quel fuoco sacro della scrittura letteraria con romanzi di indubbio successo, percorso che inizia nel 1990 proseguendo fino al tuo ultimo romanzo "Chi mi ha ucciso?" (Italic-Pequod editore)? Trapanese. Forse è stata proprio la constatazione che per tanti, tantissimi anni (ora sono 42) di giornalismo e di impegno in questo settore, la dittatura del tempo e dello spazio (le trenta righe o il minuto e mezzo) l'ho sempre sofferta troppo, nel senso che era per me difficilissimo esprimere in modo esaustivo e compiuto le sensazioni e le riflessioni che tanti fatti (soprattutto di cronaca nera) mi provocavano. Così piano piano è maturato il desiderio di mettermi davanti al computer senza un limite, di ascoltare ciò che mente e cuore suggerivano senza lacci e confini e affrontare temi importanti e delicati che sentivo miei. V. I premi legati all'attività di scrittore e non solo ormai non si contano più. La passione per la psicologia e il couseling quanto hanno inciso sui temi centrali dei tuoi romanzi e quanto invece le tue esperienze personali ed esistenziali? Si intrecciano o fanno parte di un'innata sensibilità volta ad esplorare i meandri anche più oscuri dell'anima umana? T. Sono decisamente uno psicologo mancato, è vero. Alla mia epoca (parliamo del 1972) la facoltà di psicologia di Roma era unica e ai primi passi, non esisteva ancora l'ordine degli psicologi e quando espressi il desiderio di andare in quella direzione trovai comprensibili opposizioni in famiglia perché si trattava di una professione tutta da delineare dove Freud ancora dettava legge (o quasi). Così mi limitai a leggere molto di psicologia, mi iscrissi a Legge e nel frattempo seguivo gli studi (in psicologia) di una mia amica leggendo i suoi testi, approfondendo argomenti. Chiaro che questa passione unita poi al mio lavoro hanno creato grandi opportunità di analisi e riflessione e che quindi le due passioni si siano saldate più che intrecciate. Devo dire che senza alcuna spinta da parte mia (anzi. . .) mia figlia Gloria ha intrapreso quella strada ed è divenuta psicologa ed anche direi una psicologa di grande sensibilità. V. Nella raccolta di racconti "Se son fiori" sviluppi attraverso la narrazione il tema dell'indifferenza: dodici storie di amori impossibili, ansia di autenticità anche attraverso la trasgressione, speranze e tradimenti, ecc. . . L'indifferenza a cui ti riferisci è frutto di una società malata: di irrelati in cerca di un'identità mancata o di solitudini incapaci a trovare la strada di casa, quella che porta alla realizzazione del sé, attraverso la memoria di esperienze condivise? T. Assolutamente vero: l'indifferenza è uno dei grandi cancri di quest'epoca malata di egoismo e di interesse. Quasi tutti i miei libri hanno profondi riferimenti a questo problema e Se son fiori, il primo, fu il mio approccio d'esordio ad una tematica complessa. Sono dodici racconti ma in realtà, erano dodici romanzi in fasce. . . V. In "Luna traversa" affronti attraverso i suoi protagonisti, genitori alle prese con un adolescente in cui le dinamiche familiari affondano le loro radici nei vissuti d'infanzia di ognuno. Quanto è difficile oggi essere genitori, primi educatori di queste nuove generazioni destinate a vivere una realtà ingestibile, imprevedibile e piena di insidie? Quanta l'influenza dei mass media e quanta invece l'incapacità a crescere come genitori affetti da adolescenza interminata? T. La coppia che scoppia, il diverso da sé che raramente viene accettato, l'amore che è possesso e non donazione, persino la coesistenza di cristianesimo e islam sono al centro di quel libro per me molto importante. Le dinamiche familiari e la difficoltà di una relazione positiva con i propri figli sono la riflessione che propongo con una storia di "fantasia" ma che affonda le radici in tante storie e testimonianze che ho raccolto sia in un periodo durante il quale facevo il consulente di coppia "on line" sia in una frequentazione di amici e coppie islamiche. Un modo per capire e per capirsi. V. "Madre vendetta" offre uno spaccato inquietante dei giorni nostri. Romanzo dalle forti tinte del giallo, nel quale le donne diventano martiri e vittime di uomini deboli e per questo violenti. Il rapporto fra giustizia e punizione è spesso inadeguato. Cosa ti ha spinto a scrivere un romanzo da piegature delicate e forti allo stesso tempo? Quale lo stato d'animo di uomo di fronte a tanti femminicidi? T. La conoscenza occasionale (face book) della madre di una vittima di femminicidio, Rossana Wade, uccisa dal fidanzato nel 1991, con condanna del'assassino che ha scontato solo 12 anni di carcere, diede il via a questa storia. Lunghi confronti e colloqui con una madre che non è mai riuscita a perdonare e che odio e rabbia hanno letteralmente distrutto e che non è mai riuscita ad avere giustizia tanto che non ha ricevuto mai una sola lira. . . Da lì l'idea di un romanzo-denuncia, dalle forti tinte gialle come dicevi, ma anche dall'analisi di come la tragedia non si annunci con squilli di tromba, ma spesso covi in atteggiamento sottovalutati ed incompresi. V. Il romanzo "La giusta scelta" mi riporta alla memoria il racconto di Pirandello "Il treno ha fischiato". Infatti, il protagonista del tuo romanzo Sauro Rocchi, impiegato di banca, frustrato per un senso di fallimento deve scegliere se mantenersi onesto o intraprendere una via illecita per cambiare la propria esistenza in una società che non premia il merito, ma i "senza scrupolo". Mentre al protagonista di Pirandello, anch'egli impiegato, contabile affidabile e ligio al dovere, con un carico familiare incredibile la soluzione avviene nella sua immaginazione tanto da decidere di fingersi pazzo. Cosa è cambiato oggi? Esiste una giusta scelta o è una provocazione per. . .? T. Pirandelliano anche il riferimento a "Il fu Mattia Pascal" perché in fondo Sauro Rocchi decide poi di sparire al mondo con la sua identità e crearsene un'altra scoprendo poi che i soldi non sempre garantiscono la chiusura con il proprio passato da "sfigato" e non consentono la chiusura dei conti con il proprio passato. Ma c'è un altro riferimento molto forte: quello ad una società dove se "non conosci qualcuno" non sei considerato, non vai avanti, non vieni considerato per quello che realmente vali. La meritocrazia che manca e che è uno dei mali più grandi, uno dei problemi più devastanti della società in genere ma dell'Italia in particolare. V. L'ultimo tuo romanzo "Chi mi ha ucciso" esce dalla dimensione di introspezione psicologica dei personaggi per avventurarsi in un giallo-triller in atmosfere surreali, i cui confini con la realtà diventano specchi deformanti in un labirinto di universi paralleli. È la proiezione di questo mondo incerto indefinito e complesso oppure ansia di assoluto per oltrepassare quella soglia o quella siepe di leopardiana memoria? T. Chiusi in una villa del '700 con un classico del giallo mondiale (cena con il delitto) i personaggi di questo giallo sono in fondo una. . . perifrasi dei mali della nostra epoca con i quali dobbiamo fare i conti per "uscire" dal circolo chiuso dell'esistenza che è volta al sé e non all'altro. Perdono, amore, accettazione e un po' di speranza sono i condimenti di un giallo insolito nel quale ho anche voluto affrontare il tema della "dimensione del tempo e dello spazio" di straordinaria attualità dopo la conferma della teoria della relatività di Einstein. È un libro per me molto importante, un qualcosa che mi permette di spaziare sia nella mia passione per il "thriller" (forse figlia del mio vecchio lavoro di cronista di nera) sia negli argomenti trattati in tutti gli altri libri. Un giallo a sorpresa con una serie infinita di colpi di scena e di occasione di meditazione.
decorazione blank 1
decorazione blank 1 decorazione blank 1

LaFolla.it - Chi mi ha ucciso? - Giancarlo Trapanese

decorazione 1-topleft decorazione blank 1 decorazione blank 1
decorazione blank 1
LaFolla.it - 14/12/2015
Recensione di Sergio Gigliati che scrive sul giornale on-line "LaFolla.it", periodico di politica e cultura

LaFolla.it - Chi mi ha ucciso? - Giancarlo Trapanese

"Chi mi ha Ucciso" Il decimo romanzo del giornalista –scrittore Giancarlo Trapanese, questo suo "Chi mi ha ucciso?" è probabilmente il suo più rivoluzionario e coraggioso. Un giallo che affonda le radici nella tradizione del noir e poi vira di 360 gradi divenendo persino metafisico e ardito (sia pure sempre con evidenti basi scientifiche) e dall'altra parte concedendo affascinanti spazi alla tratteggiatura dei personaggi, alla loro controversa umanità, al pirandelliano dramma del vedersi vivere. Diciannove personaggi, uomini e donne, di età e provenienza diverse, si ritrovano in una misteriosa villa settecentesca, situata in un luogo indefinito; sono stati invitati a trascorrervi un breve soggiorno da un chimerico personaggio: "L'Autore". Nessuno di loro è riuscito a rifiutare l'invito, pur non conoscendone il motivo. Ma prima della cena rivelatrice di verità annunciate, in un clima ai confini della realtà, un delitto oscuro sconvolge le esistenze di tutti e provoca drammatici interrogativi. Saranno il maresciallo Luigi Braschi e il suo amico giornalista Giorgio Catanese a condurre le indagini, mentre gli altri personaggi intrecciano trame d'amore e di risentimento: una lotta per la verità, che porta alla consapevolezza dell'inconsistenza e della mancanza di senso di ogni rigida distinzione tra realtà e irrealtà, e in generale tra piani dimensionali diversi (la villa stessa sembra essere una sorta di "stargate" tra universi paralleli. Colpi di scena, finale a sorpresa come in ogni giallo che si rispetti, non mancano ma a legare il tutto è quella attenzione affettuosa, rispettosa che l'autore ( quello con la a minuscola ) ha per tutti i suoi personaggi che riesce a muovere con invisibili e resistenti fili in una storia poliedrica e a tratti persino divertente. Non rinuncia, Trapanese, come negli altri suoi romanzi, alla connotazione umanistica, alla morale di fondo alla quale si giunge avidamente, leggendo la sua prosa scorrevole ed immediata divorando capitoli e storie con l'ansia di sapere che cosa riserva il futuro della storia, anche se, ci spiega bene uno dei protagonisti citando Sant'Agostino, il tempo è una illusione: il passato è andato, il presente è l'attimo impercettibile tra il passato ed un futuro che non c'è. (Francesco Caferri) Dopo il successo della grande prima nazionale tenutasi lo scorso Novembre ad Ancona il libro sarà presentato a Milano giovedì 17 dicembre al Tac teatro di via Ponte nuovo 51. All'incontro prenderanno parte il giornalista Rai Filippo Grassia, il giornalista scientifico Sergio Angeletti, il musicista Danilo Venturoli. articolo pubblicato da LaFolla.it: 14/12/2015 Sergio Gigliati
decorazione blank 1
decorazione blank 1 decorazione blank 1

Corriere Adriatico - Chi mi ha ucciso? - Giancarlo Trapanese

decorazione 1-topleft decorazione blank 1 decorazione blank 1
decorazione blank 1
Corriere Adriatico - 01/12/2015
Civitanova - Trapanese presenta il libro

Corriere Adriatico - Chi mi ha ucciso? - Giancarlo Trapanese

Corriere Adriatico - Chi mi ha ucciso? Presentazione al Caffè del Teatro Cerolini Dopo molte pubblicazioni e importanti riconoscimenti, Giancarlo Trapanese torna sulla scena letteraria con il suo nuovo, insolito e seducente romanzo, Chi mi ha ucciso?, un thriller metafisico, sospeso tra reale e fantastico, che si muove entro confini incerti e un tempo adimensionale, privo di schemi ordinari e punti di riferimento.
decorazione blank 1
decorazione blank 1 decorazione blank 1

Il Messaggero - Chi mi ha ucciso? - Giancarlo Trapanese

decorazione 1-topleft decorazione blank 1 decorazione blank 1
decorazione blank 1
Il Messaggero
"Chi mi ha ucciso?" Trapanese si diverte

Il Messaggero - Chi mi ha ucciso? - Giancarlo Trapanese

Antonio Luccarini scrive sul Messaggero la recensione del nuovo libro di Giancarlo Trapanese "Chi mi ha ucciso?" . . . .si evince, in primo luogo, il divertimento che l'autore procura a se stesso attraverso la pratica della scrittura. E' sicuramente vero che ogni autore, in cuor suo, si augura che il proprio racconto riesca a produrre nel lettore la seduzione di Sherazade, cioè l'incantesimo operato da una narrazione sempre più coinvolgente, ma di solito, l'effetto è dato per certo se il primo a crederci è proprio lo stesso scrittore che mette in moto il meccanismo seduttivo. . . .
decorazione blank 1
decorazione blank 1 decorazione blank 1

L'Ancora On Line - SAN BENEDETTO DEL TRONTO - Chi mi ha ucciso? Giancarlo Trapanese

decorazione 1-topleft decorazione blank 1 decorazione blank 1
decorazione blank 1
L'Ancora On Line
Il giornalista RAI Giancarlo Trapanese a San Benedetto per presentare il suo nuovo libro: Chi mi ha ucciso?

L'Ancora On Line - SAN BENEDETTO DEL TRONTO - Chi mi ha ucciso? Giancarlo Trapanese

SAN BENEDETTO DEL TRONTO - Pubblicato il 26 novembre 2015 da Nicolas Abbrescia L'auditorium Tebaldini sito in Viale De Gasperi a San Benedetto ospiterà alle ore 18 di domenica 29 novembre, la presentazione del giallo "Chi mi ha ucciso?", ultima fatica letteraria del Vicecaporedattore del Tg Marche di RAI 3 Giancarlo Trapanese ed edito dall'editore anconetano Italic pequod. Differentemente dagli altri nove libri del giornalista anconetano, questo testo è frutto interamente della sua fantasia, un giallo che nonostante il titolo, concede uno spazio importante alle umanità ed alle passioni dei personaggi. Un giallo in cui l'osservazione, la logica e il ragionamento deduttivo regnano sovrani.
decorazione blank 1
decorazione blank 1 decorazione blank 1

L'empireo - intervista a Giancarlo Trapanese per il nuovo libro Chi mi ha ucciso?

decorazione 1-topleft decorazione blank 1 decorazione blank 1
decorazione blank 1
L'Empireo (Web)
Giancarlo Trapanese, Chi mi ha ucciso?

L'empireo - intervista a Giancarlo Trapanese per il nuovo libro Chi mi ha ucciso?

L'Empireo (http://www.lempireo.com/), Jonathan Arpetti intervista Giancarlo Trapanese per il suo nuovo libro "Chi mi ha ucciso?"
decorazione blank 1
decorazione blank 1 decorazione blank 1

Corriere Adriatico - prima nazionale del nuovo libro di Giancarlo Trapanese: Chi mi ha ucciso?

decorazione 1-topleft decorazione blank 1 decorazione blank 1
decorazione blank 1
Corriere Adriatico
Chi mi ha ucciso?, uno show per il giallo

Corriere Adriatico - prima nazionale del nuovo libro di Giancarlo Trapanese: Chi mi ha ucciso?

Sala gremita per la presentazione dell'ultimo libro del giornalista Rai Giancarlo Trapanese (articolo di Agnese Testadiferro)
decorazione blank 1
decorazione blank 1 decorazione blank 1

L'informazione per Senigallia e il suo comprensorio

decorazione 1-topleft decorazione blank 1 decorazione blank 1
decorazione blank 1
laltrogiornale.it
Sabato in Biblioteca Trapanese presenta il suo ultimo libro: Chi mi ha ucciso

L'informazione per Senigallia e il suo comprensorio

SENIGALLIA - Nuovo appuntamento alla Biblioteca Comunale Antonelliana per una giornata interamente dedicata alle famiglie, con eventi appositamente pensati per venire incontro alle preferenze di grandi e piccoli. Si svolgerà infatti sabato 14 novembre prossimo l'edizione autunnale di "Fuori Orario", una iniziativa già felicemente collaudata per aprire la biblioteca in orario straordinario con incontri, laboratori, letture e tanti altri motivi di interesse per passare alcune ore del proprio tempo libero in modo intelligente e alternativo. L'intero pomeriggio sarà poi dedicato ad incontri con l'autore. Alle 16.30 in Sala Conferenze, GIANCARLO TRAPANESE presenterà il suo ultimo libro "Chi mi ha ucciso"
decorazione blank 1
decorazione blank 1 decorazione blank 1

Catanzaro Politica - Alfonso Scalzo scrive sull'anteprima del nuovo libro di Giancarlo Trapanese

decorazione 1-topleft decorazione blank 1 decorazione blank 1
decorazione blank 1
catanzatopolitica.it - Alfonso Scalzo
Editoria, Giancarlo Trapanese e i misteri paralleli di CHI MI HA UCCISO?

Catanzaro Politica - Alfonso Scalzo scrive sull'anteprima del nuovo libro di Giancarlo Trapanese

Mistero e atmosfere oscure, dove realtà ed irrealtà sono indistinte. Diciannove tra uomini e donne, ricevono un invito per un breve periodo di soggiorno in una villa settecentesca. Tutto è avvolto nel mistero, eppure essi accettano. Prima della cena ‘rivelatrice’, però, un omicidio complica ulteriormente le cose. Ha scelto il ‘giallo’, sia pure arricchito ed irrobustito da incursioni in sconosciuti ‘universi paralleli’, Giancarlo Trapanese, per il suo nuovo romanzo “ CHI MI HA UCCISO?” edizioni Italic Pequod.
decorazione blank 1
decorazione blank 1 decorazione blank 1

Il Corriere Adriatico - articolo presentazione nuovo libro di Giancarlo Trapanese

decorazione 1-topleft decorazione blank 1 decorazione blank 1
decorazione blank 1
Corriere Adriatico
Chi mi ha ucciso?, ad Ancona, l'anteprima dell'ultimo libro di Trapanese

Il Corriere Adriatico - articolo presentazione nuovo libro di Giancarlo Trapanese

Anteprima nazionale per il nuovo libro di Giancarlo Trapanese: un incontro con relatori d’eccezione e grandi artisti che hanno reso la presentazione davvero speciale, con momenti importanti e memorabili, ed una serie di sorprese annunciate ma non svelate: musica, canto, recitazione e tante emozioni.
decorazione blank 1
decorazione blank 1 decorazione blank 1

Il Resto del Carlino - Chi mi ha ucciso? Di Giancarlo Trapanese

decorazione 1-topleft decorazione blank 1 decorazione blank 1
decorazione blank 1
Il Resto del Carlino
Il giallo metafisico di Trapanese

Il Resto del Carlino - Chi mi ha ucciso? Di Giancarlo Trapanese

Il nuovo libro "Chi mi ha ucciso?" scritto dal giornalista della Rai. Per la presentazione ci saranno artisti e relatori d'eccezione.
decorazione blank 1
decorazione blank 1 decorazione blank 1

Emmaus Settimanale - Francesca Cipolloni prima nazionale del nuovo romanzo di Giancarlo Trapanese

decorazione 1-topleft decorazione blank 1 decorazione blank 1
decorazione blank 1
Emmaus Settimanale
"Chi mi ha ucciso", il nuovo libro del giornalista Rai

Emmaus Settimanale - Francesca Cipolloni
prima nazionale del nuovo romanzo di Giancarlo Trapanese

Ancona, 8 Novembre 2015 - Francesca Cipolloni scrive sull'imminente uscita del nuovo romanzo "Chi mi ha ucciso" del giornalista Rai Giancarlo Trapanese
decorazione blank 1
decorazione blank 1 decorazione blank 1

 

presentazioni | libri