recensioni libri 

Giancarlo Trapanese 


Chi mi ha ucciso? - thriller metafisico, sospeso tra reale e fantastico - romanzo scritto da Giancarlo Trapanese
giancarlotrapanese@giancarlotrapanese.it
decorazione topright
decorazione bottomleft


news

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1
CHI MI HA UCCISO? A Teatro
"CHI MI HA UCCISO? A TEATRO
UN PRODOTTO TUTTO MADE IN ANCONA

Ed è andata meravigliosamente...
Un grazie grande come il mondo alle ottocento persone che hanno deciso di vivere insieme a noi questo magico e folle fine settimana di Teatro.
E' stato emozionante, divertente e intenso.

"Benvenuti a teatro, dove tutto è finto ma nulla è falso!" dice il Grande Maestro Gigi Proietti.
Niente di più vero…
Foto Album

CHI MI HA UCCISO? A Teatro
"CHI MI HA UCCISO? A TEATRO

Domenica 6 Agosto alla Mole di Ancona, "Chi mi ha ucciso?" a Teatro, commedia con delitto in tre atti. . . .
Foto Album


decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

il blog di Giovanni

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Il blog più pungente della rete - Il blog di Giancarlo Trapanese

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Giovanni Trapanese photographer fotografo avvocato

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Gloria Trapanese psicologa clinica Ancora donna prevenzione

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

copertine dei libri di giancarlo trapanese

decorazione topleft decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Chi mi ha ucciso? - Giancarlo Trapanese
La giusta scelta - Giancarlo Trapanese
Ascoltami - Giancarlo Trapanese
Ascoltami - Giancarlo Trapanese
Quella Volta che. . .avventure e ricordi di Alceo Moretti - 2010 - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Sirena senza coda - libro scritto da Giancarlo Trapanese e Cristina Tonelli
Da quanto tempo - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Luna Traversa - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Se son fiori... - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Calcio a 5 lo sport del 2000 - libro scritto da Giancarlo Trapanese
decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione 1-bottomright



lista recensioni

decorazione topleft decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Vedi tutte le recensioni

Chi mi ha ucciso?

Agnese Testadiferro
Andrea Marinelli
Antonio Luccarini
Benedetta Grendene
Elisa Frare
Francesca Cipolloni
Francesco Caferri
Giuseppe Campanelli
Laura Margherita Volante
Raimondo Montesi
Sergio Gigliati
Silvano Staffolani
Teodora Stefanelli
Valerio Calzolaio

La giusta scelta

Benedetta Grendene
Catiuscia Ceccarelli
Collettivo Idra
Cristina Tonelli
Giuseppe Modugno
Il Lucano Potenza
L'Azione Fabriano
Marco Mittica
Norma Stramucci

Madre vendetta

Adnkronos IGN
Annamaria Barbato Ricci
Antonio Luccarini
Cristina Tonelli
Edda Lavezzi Stagno
Francesco Greco
Gigi Avanti
Giorgio Iacobone
ilRestoDelCarlino.it Web
Luciano Gregoretti
Maria Lampa
Maria Rita Parsi
Moreno Giannattasio
Noodls Web
Norma Stramucci
Silvana Coricelli
Tito Stagno

Ascoltami

Antonio Luccarini
Chiara Giacobelli
Cristina Tonelli
CronacheMaceratesi.it Web
Giorgio Iacobone
ilRestoDelCarlino.it Web
laprimaweb.it Web
Lucio Zarletti
Paolo Pandolfi
viverecivitanova.it

Quella volta che. . .

Ferruccio De Bortoli

Sirena senza coda

Alessandro Moscè
Asmae Dachan
Chiara Giacobelli
Gian Paolo Grattarola
Giorgio Iacobone
IlMascalzone.it Web
IlQuotidiano.it Web
Michele Antognoni
Paolo Pandolfi
Raffaele Mazzei
RivieraOggi.it Web
SanMarinoRTV.sm
Silvana Coricelli
Sito del Comune di Venezia Web

Da quanto tempo

Alessandro Moscè
Anna Maria Ragaini
Asmae Dachan
Lucio Felici
Maria Lampa
Norma Stramucci
Paolo Parimbelli

Luna traversa

Alice Ragni
Antonio Luccarini
Anuska Pambianchi
Dr Antonio Bruni
Gigi Avanti
Giulia Ruffoni
Kruger Agostinelli
Maria Grazia Capulli
Mohamed Nour Dachan
Norma Stramucci
Sergio Angeletti
Sherif El Sabaie

Se son fiori

Enrico Capodaglio
Francesco Alberoni
Francesco D’Aniello
Giuseppe Possedoni
Silvana Coricelli
decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione 1-bottomright

decorazione black 4


1 2 3 4

recensione: Sirena senza coda (Giorgio Iacobone)

decorazione topleftdecorazione blank 1decorazione blank 2
decorazione blank 1

Sirena senza coda si presenta come la vittoria della sostanza sulla forma

 
La Sirena ispira qualcosa di bello, di affascinante, mentre “Il senza coda” dà l’idea di una imperfezione, che però sembra mitigare solo in minima parte quella bellezza a cui ci porta l’idea “Sirena”. Certo sarebbe ideale se forma e sostanza si presentassero entrambe perfette, ma in “sirena senza coda” la forma imperfetta non incide granché sulla sostanza, che assurge ad elemento caratterizzante la persona. Che farsene di un corpo perfetto in una mente vuota, incapace di provare emozioni!!! Sirena senza coda si presenta come la vittoria della sostanza sulla forma in un’epoca dove l’esteriorità sembra racchiudere tutto il reale!!! E’ la sconfitta delle veline, delle escort, del superfluo, del superficiale. Segna la strada della riscoperta dell’uomo, l’esaltazione dei valori che ne caratterizzano l’identità. E’ la vittoria di ciò che eleva l’uomo su ciò che lo annienta.

Sirena senza coda è la vittoria dell’importanza delle scoperte dell’uomo quando queste assecondano e non contrastano la natura umana. Il computer ci regala l’apprendimento di emozioni provate dall’autrice che ci toccano, regalandoci momenti di intensa riflessione. E’ una realtà che emerge con il computer, che di contro ci sta conducendo a vivere il virtuale, il non reale!!!Con “Sirena senza coda” il computer si prende la sua rivincita, un suo ritorno alla funzione iniziale, prima del suo stravolgimento in una macchina destinata a far vivere ciò che non esiste, a far vivere il virtuale!!!

“Sirena senza coda” sembra far superare la schematizzazione del tempo. Si presenta come una sintesi del passato, presente e futuro vissuti nella realtà concreta al presente. Il passato entra nel nostro patrimonio e ci resta sempre, non solo come un elemento al di fuori di noi, che ha condizionato il nostro modo di essere, ma è qualcosa di più intrinseco, al pari del presente e del futuro pensato. I nostri progetti, le nostre aspirazioni future appartengono alla nostro patrimonio presente, il pensiero di ciò che faremo è realtà attuale. Per questo con Sirena senza coda si vive in contemporanea passato, presente e futuro.


Sirena senza coda si presenta come la vittoria della sostanza sulla forma
Torna al menù recensioni

Info critico

Nome: Giorgio
Cognome: Iacobone
Questore di Trento (ex qeustore di Ancona)
Sito Web: clicca qui
Giorgio Iacobone - Questore di Trento

...note:

Giorgio Iacobone ha 58 anni, è nato a Napoli, ha studiato a Roma laureandosi alla Sapienza in Giurisprudenza. E' un profondo conoscitore della realtà marchigiana, avendo prestato servizio prima a Macerata dal 1975 al 1987, poi ad Ancona dal 1993 al 1997. Nel 1988 è stato assegnato al Commissariato Zisa di Palermo…Dal 1997 al 1998 è stato Vice Questore Vicario di Pescara...Nell'anno accademico 2001-2002 ha seguito il XVII Corso Interforze…Promosso Dirigente superiore dal 1° luglio 2002 è stato nominato Questore di Enna, carica ricoperta fino al giugno 2006, prodigandosi con determinazione per la diffusione della cultura della legalità a tutti i livelli, presupposto per lo sviluppo delle potenzialità della provincia. Ora è in carica a Trento come questore.

Compra il libro:

link acquista
decorazione blank 2
decorazione blank 2decorazione blank 2decorazione bottomright

recensione: Sirena senza coda (Asmae Dachan)

decorazione topleftdecorazione blank 1decorazione blank 2
decorazione blank 1

Asmae Dachan - Recensione su Sirena Senza Coda

 
Questo è un libro che bisognerebbe leggere in ginocchio.” Esordisce così sua Eccellenza il vescovo di Ancona, monsignor Edoardo Menichelli, nel suo saluto alla presentazione del romanzo scritto a quattro mani da Giancarlo Trapanese e Cristina Tonelli, “Sirena senza coda”, Vallecchi Edizioni. Parole toccanti che fanno scendere il silenzio nell’aula magna della facoltà di ingegneria, gremita all’inverosimile, con oltre 750 persone, intervenute per l’inizio di questo viaggio letterario ed umano, che porterà gli autori molto lontano. L’evento (Venerdì 30 Ottobre, ndr) ha avuto il patrocinio dell’Università politecnica delle Marche, del comune di Ancona e la preziosa partecipazione dell’Associazione Genitori con figli portatori di handicap di Fano. Condotta da Andrea Carloni e Patrizia Ginobili, con il contributo del critico letterario Alessandro Moscé e la partecipazione di don Aldo Buonaiuto, della Comunità Papa Giovanni XXIII, la serata ha visto la partecipazione di politici di entrambi gli schieramenti, che per una sera hanno smesso le loro vesti ufficiali per vestirsi di umana e tangibile emozione. Il padrone di casa, il professor Leandro Provinciali, Prorettore dell’Università politecnica delle Marche, ha confermato che è stata la prima volta che l’Università ha ospitato un simile evento, tanto ricco per il suo valore letterario, ma anche e soprattutto per quello umano.



L’evento è stato arricchito con spazi musicali indimenticabili con artisti del calibro di Luca Lattanzio, Roberta Balzani, Antonio Del Sordo, Michele Pecora e dal coro da Camera “Le muse”. Un quadro artistico davvero prezioso, che oltre alla letteratura ed alla musica ha avuto anche il contributo di tre attori, Marco di Stefano, Neri Marcorè che ha inviato un video messaggio ed il comico David Anzalone. In questo firmamento culturale due erano le stelle che brillavano di più e naturalmente parliamo dei due autori. Trapanese è uno scrittore già noto e affermato, giornalista e professore che abbiamo tutti avuto occasione di apprezzare e stimare, eppure questa volta possiamo dire che ha superato se stesso, perché, valorizzando un’esperienza che ha avuto modo di fare, ha incontrato Cristina. Da questo incontro Trapanese ha intrapreso un viaggio toccante, nell’universo muto eppure ricco di comunicazione in cui vive Cristina. Infatti lei, con i suoi occhioni verdi e morbidi boccoli biondi è una ragazza cerebrolesa, che riesce a comunicare con il mondo attraverso un computer. Le sue dita si muovono elegantemente su una tastiera collegata ad un monitor e lei, come la migliore delle pianiste, regala agli altri parole, riflessioni, interrogativi che sono musica, per chi sa ascoltarla. Cristina è una Sirena senza coda che vive in un corpo matto, come lei stessa lo definisce; anche se non riesce a nuotare, è una sirena che sa volare e fa volare chi la incontra e ne scopre la grande ricchezza. “Questo romanzo è semplicemente un concentrato delle vite di tutti noi, uniche e consuete. Ed è proprio tale la ragione che fa pulsare il mio cuore a favore di questo libro e perorare il nostro lavoro intriso di batticuori veri.” Così scrive Cristina, nel suo invito alla sera di venerdì scorso, che davvero è stata indimenticabile. Trapanese, col suo fare modesto e umile, sembra sciogliersi di fronte alla sua coautrice, che guarda sempre con occhi lucidi, pronto ad imparare da lei tutto quello che la vita dei “normali”, come li definisce il comico David Anzalone. Per chi non lo conosce, Anzalone è un trentatreenne spastico, che ha fatto del suo handicap una forza e un’ispirazione. I suoi spettacoli, durante i quali denuncia in tono sarcastico i limiti che le persone comuni hanno nei confronti degli handicappati, registrano il tutto esaurito in Italia e anche all’estero. Sono emozioni che lasciano gli spettatori senza parole, perché fanno crollare quei castelli di ipocrisia che ci siamo creati intorno, guardando alle persone “diverse” con pietà, con commiserazione. Cristina, David e Giancarlo, che a questo percorso umano ha dato origine, ci fanno capire che il mondo non appartiene solo a chi sa parlare, ascoltare e camminare senza difficoltà. Sirena senza coda ci porta dentro quest’universo fatto di sentimenti cristallini, di sogni e speranze autentiche, di amore e coraggio. Un libro che è una preziosa testimonianza di quanto possa essere determinante l’impegno di una famiglia che, con la sua tenacia ed il suo amore incommensurabile, ha affiancato la figlia celebrolesa fino a metterla nella condizione di esprimersi e poter così volare libera nel mondo. All’uomo che ha saputo ascoltare il canto muto di questa sirena, che ha seguito questo richiamo e ha visto oltre la forma, andando nella profondità e nello spirito di questa ragazza meravigliosa, non possiamo che dire: Grazie! Grazie Giancarlo Trapanese, grazie per averci fatto conoscere l’universo a tinte tenui di Cristina, con il suo carico d’amore, intelligenza e purezza.


La splendita serata alla prima naionale ad Ancona per Sirena senza coda
Torna al menù recensioni

Info critico

Nome: Asmae
Cognome: Dachan
Scrittrice, dottoressa in scienze islamiche e ricercatrice sul Medio Oriente ed il Nord Africa - Ex portavoce donne islamiche Italia
Asmae Dachan - scrittrice ed Ex portavoce donne islamiche Italia

Asmae Dachan

Sono nata il 28 novembre 1976 ad Ancona, da genitori di origine siriana. Ho acquisito la cittadinanza italiana quando ero ancora bambina. Dopo la maturità linguistica ho studiato teologia per quattro anni, acquisendo una licenza in Diritto islamico. La mia insaziabile sete di conoscenza mi ha spinta, nel 2006, ad iscrivermi all'Università di Urbino, dove sto studiando Scienze della Comunicazione. Dal 2008 collaboro con il settimanale Voce della Vallesina. nell'ottobre 2008 ho partecipato al Concorso Letterario Internazionale Città di Ancona, nella categoria "Poesia singola", ricevendo una segnalazione da parte della giuria del concorso. La mia passione maggiore è la scrittura e amo moltissimo leggere. I miei autori preferiti sono Shakespeare, Virginia Woolf, Pirandello e il grande poeta Mario Luzi. Ho due figli, di 11 e 7 anni.

Compra il libro:

link acquista
decorazione blank 2
decorazione blank 2decorazione blank 2decorazione bottomright

recensione: Sirena senza coda (Gian Paolo Grattarola)

decorazione topleftdecorazione blank 1decorazione blank 2
decorazione blank 1

Articolo su mangialibri.com - Sirena Senza Coda

 
Giorgio Catanese, giornalista televisivo, accetta di presiedere la giuria di un premio letterario riservato a
giovani studenti chiamati ad esprimersi sul tema dell?emarginazione sociale. Tra i vari testi esaminati la sua
attenzione viene catturata, per la particolare profondità dell?analisi e per la ricchezza delle argomentazioni, da
uno che ha un titolo curioso La macchina (im)perfetta e che reca una firma di sorprendente originalità, Sirena
senza coda. Dopo aver individuato l?identità della studentessa presso la segreteria dell?istituto, Giorgio
apprende al telefono dalla madre Lucia che Gemma è una ragazza ventenne, cerebrolesa dalla nascita ma in
grado di comunicare con il mondo esterno mediante l?impiego di un computer. Sempre più incuriosito dalla
vicenda il giornalista decide di andare a conoscerla di persona, insieme con il figlio Riccardo di ventitré anni..
Ad attenderlo troverà una persona dotata di un cervello normale, in grado di provare emozioni e sentimenti
come qualsiasi altra coetanea e con l?ambizione dichiarata di voler intraprendere la carriera giornalistica?
Giancarlo Trapanese, uno dei volti più popolari del giornalismo televisivo della redazione marchigiana di Rai
3, in questo suo nuovo romanzo realizza la trasposizione letteraria dell?incontro e dello sviluppo di una
profonda amicizia con Cristina Tonelli - studentessa di Fano che ha collaborato alla stesura del libro - la cui
vicenda personale risponde perfettamente a quella della protagonista. Una storia commovente, narrata con un
ritmo vivace e appassionante, capace di aprire un ventaglio di emozioni nel cuore del lettore e di stimolare
profonde riflessioni. Non solo per via della condizione di disabilità che non impedisce a Gemma di smorzare il
suo slancio vitale, o per la tenace capacità dei suoi genitori di continuare a credere nelle sue capacità di sviluppo
contro ogni parere medico. Ma anche per la vicenda esistenziale dell?amica del cuore Diana, risucchiata dalla
follia del sabato sera,. E perfino per la malinconica rassegnazione con cui Giorgio reagisce al distacco dal
proprio nucleo famigliare dei figli ultramaggiorenni. Un romanzo che si divora in poco tempo, lasciando un
gradevolissimo desiderio di riscoprire il vero senso per cui vale la pena di vivere, un delicato sapore di cose
buone e genuine.
Link recensione: Visita il link


Articolo web prelevato dal sito http://www.mangialibri.com,scritto dal critico Gian Paolo Grattarola
Torna al menù recensioni

Info critico

Nome: Gian Paolo
Cognome: Grattarola
Poeta, storico e musicista
Sito Web: clicca qui
Email: clicca qui
Mangialibri - Gian Paolo Grattarola

Gian Paolo Grattarola

Gian Paolo Grattarola, nato a Genova il 15 giugno 1963, all'età di 10 anni si trasferisce ad Ancona, ove risiede tutt'ora. Già durante gli anni del liceo classico Rinaldini di Ancona inizia a comporre le prime poesie che vengono pubblicate poi sulla rivista "Il Bestiario", dell'istituto. Attualmente è impiegato presso una ditta di spedizioni internazionali ove ricopre la mansione di responsabile commerciale per i traffici oltremare. Tuttavia ha conservato inalterata, negli anni, la grande passione per la poesia, per la letteratura, per la storia, per la musica classica per l’arte e per l’opera lirica, che coltiva assiduamente a dispetto degli impegni professionali.. E’ socio di alcune fondazioni culturali senza fini di lucro e collabora con alcune riviste specializzate. Nel 2004 Vince il primo premio al Concorso Internazionale indetto da Artenuova (Fondato da Piero Donato). L’anno successivo pubblica Il libro FRAMMENTI DI VITA (ed il Foglio Letterario) con il quale ottiene alcuni ambiti riconoscimenti in varie manifestazioni culturali e prestigiosi riscontri di critica da parte di autorevoli personalità legate al mondo della poesia.

Compra il libro:

link acquista
decorazione blank 2
decorazione blank 2decorazione blank 2decorazione bottomright

1 2 3 4

 


presentazioni | libri