recensioni libri 

Giancarlo Trapanese 


Chi mi ha ucciso? - thriller metafisico, sospeso tra reale e fantastico - romanzo scritto da Giancarlo Trapanese
giancarlotrapanese@giancarlotrapanese.it
decorazione topright
decorazione bottomleft


news

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1
CHI MI HA UCCISO? A Teatro
"CHI MI HA UCCISO? A TEATRO
Macerata, Teatro Lauro Rossi

Domenica 26 Novembre, ore 17:15, la compagnia "Teatro del sorriso" e Giancarlo Trapanese presentano la commedia in tre atti, liberamente tratta dall'omonimo romanzo.
49° Festival nazionale premio Angelo Perugini
Presentazione


decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

il blog di Giovanni

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Il blog più pungente della rete - Il blog di Giancarlo Trapanese

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Giovanni Trapanese photographer fotografo avvocato

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Gloria Trapanese psicologa clinica Ancora donna prevenzione

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

copertine dei libri di giancarlo trapanese

decorazione topleft decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Chi mi ha ucciso? - Giancarlo Trapanese
La giusta scelta - Giancarlo Trapanese
Ascoltami - Giancarlo Trapanese
Ascoltami - Giancarlo Trapanese
Quella Volta che. . .avventure e ricordi di Alceo Moretti - 2010 - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Sirena senza coda - libro scritto da Giancarlo Trapanese e Cristina Tonelli
Da quanto tempo - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Luna Traversa - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Se son fiori... - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Calcio a 5 lo sport del 2000 - libro scritto da Giancarlo Trapanese
decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione 1-bottomright



lista recensioni

decorazione topleft decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Vedi tutte le recensioni

Chi mi ha ucciso?

Agnese Testadiferro
Andrea Marinelli
Antonio Luccarini
Benedetta Grendene
Elisa Frare
Francesca Cipolloni
Francesco Caferri
Giuseppe Campanelli
Laura Margherita Volante
Raimondo Montesi
Sergio Gigliati
Silvano Staffolani
Teodora Stefanelli
Valerio Calzolaio

La giusta scelta

Benedetta Grendene
Catiuscia Ceccarelli
Collettivo Idra
Cristina Tonelli
Giuseppe Modugno
Il Lucano Potenza
L'Azione Fabriano
Marco Mittica
Norma Stramucci

Madre vendetta

Adnkronos IGN
Annamaria Barbato Ricci
Antonio Luccarini
Cristina Tonelli
Edda Lavezzi Stagno
Francesco Greco
Gigi Avanti
Giorgio Iacobone
ilRestoDelCarlino.it Web
Luciano Gregoretti
Maria Lampa
Maria Rita Parsi
Moreno Giannattasio
Noodls Web
Norma Stramucci
Silvana Coricelli
Tito Stagno

Ascoltami

Antonio Luccarini
Chiara Giacobelli
Cristina Tonelli
CronacheMaceratesi.it Web
Giorgio Iacobone
ilRestoDelCarlino.it Web
laprimaweb.it Web
Lucio Zarletti
Paolo Pandolfi
viverecivitanova.it

Quella volta che. . .

Ferruccio De Bortoli

Sirena senza coda

Alessandro Moscè
Asmae Dachan
Chiara Giacobelli
Gian Paolo Grattarola
Giorgio Iacobone
IlMascalzone.it Web
IlQuotidiano.it Web
Michele Antognoni
Paolo Pandolfi
Raffaele Mazzei
RivieraOggi.it Web
SanMarinoRTV.sm
Silvana Coricelli
Sito del Comune di Venezia Web

Da quanto tempo

Alessandro Moscè
Anna Maria Ragaini
Asmae Dachan
Lucio Felici
Maria Lampa
Norma Stramucci
Paolo Parimbelli

Luna traversa

Alice Ragni
Antonio Luccarini
Anuska Pambianchi
Dr Antonio Bruni
Gigi Avanti
Giulia Ruffoni
Kruger Agostinelli
Maria Grazia Capulli
Mohamed Nour Dachan
Norma Stramucci
Sergio Angeletti
Sherif El Sabaie

Se son fiori

Enrico Capodaglio
Francesco Alberoni
Francesco D’Aniello
Giuseppe Possedoni
Silvana Coricelli
decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione 1-bottomright

decorazione black 4


1

recensione: Luna traversa (Anuska Pambianchi)

decorazione topleftdecorazione blank 1decorazione blank 2
decorazione blank 1
 
Non mi capitava da tempo di legarmi così forte ad una storia narrata. Angeletti del Corriere dà un'indicazione perfetta nel descriverlo come "nostre autobiografie emotive". Una sorta di reality a cui non puoi sottrarti tanto ti senti calato nella storia, nella parte di Betta e poi di corsa, d'istinto in quella di Giulio. Ritornando a riflettere sui due personaggi che con coraggio crescono. Cambiano e cominciano ad impadronirsi, ognuno di sè stesso nella difficoltà e nell'intensità dei
sentimenti. Ad un tratto mi son sentita cambiata, più vecchia e matura. Un legame che, anche se ci appartiene, mostra l'autenticità degli affetti e dei rancori. Una storia nuova e antica. Ma quel che fa la differenza è la partecipazione emotiva dell' io narrante che saltella nel corpo prima di uno e poi dell'altro personaggio. Di colpo, poi, Betta scompare e sei violentemente coinvolto nell' indagare sulla sua
scomparsa. Ci si squaderna davanti agli occhi una storia contrastata dall'amore-odio e dai risvolti psichici dei due personaggi. Giulio diventa uomo. In quella parte del libro dove la perdita e la comparsa del dolore arricchiscono e offrono qualcosa in più al personaggio, ho percepito una grande forza emotiva costruita anche sull'educazione di un figlio, per di più adolescente. Un quadro perfetto di circostanze fatali messe a punto dallo sguardo mobile e attento dell'autore che non
rinuncia all'ironia e alla magia nel cogliere la diversità in una scelta di vita: l'islam. La mia simpatia per Giulio si è consolidata nel tempo. L'ho trovato romantico, affascinante e intelligente. Betta è una figura da rileggere con l'emozione di scoprirvi un duplice scontro: compie le sue scelte con fatica, in quanto donna e madre, stereotipo occidentale, ma tali scelte appartengono alla contemporaneità, l'incontro con il diverso, il confronto e la convivenza . Il romanzo per come l'ho vissuto si è concluso la prima volta a Padova il 4 aprile alla pag 345. Poi di nuovo altre emozioni, ma nel finale non credo di porre fine a questa storia. Mi piace pensarlo nella sua evoluzione e nella sua ricerca della verità e della conoscenza di noi stessi. Questo è un grande inizio. Aspetto un'altro tuo libro.

Info critico

 
Nome: Anuska
Cognome: Pambianchi
Comunicazione - Ufficio Stampa - Editoria
Sito Web: Informazione non disponibile
Email: clicca qui

Compra il libro:

link acquista
decorazione blank 2
decorazione blank 2decorazione blank 2decorazione bottomright

1

 


presentazioni | libri