recensioni libri 

Giancarlo Trapanese 


Chi mi ha ucciso? - thriller metafisico, sospeso tra reale e fantastico - romanzo scritto da Giancarlo Trapanese
giancarlotrapanese@giancarlotrapanese.it
decorazione topright
decorazione bottomleft


news

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1
CHI MI HA UCCISO? A Teatro
"CHI MI HA UCCISO? A TEATRO
Macerata, Teatro Lauro Rossi

Domenica 26 Novembre, ore 17:15, la compagnia "Teatro del sorriso" e Giancarlo Trapanese presentano la commedia in tre atti, liberamente tratta dall'omonimo romanzo.
49° Festival nazionale premio Angelo Perugini
Presentazione


decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

il blog di Giovanni

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Il blog più pungente della rete - Il blog di Giancarlo Trapanese

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Giovanni Trapanese photographer fotografo avvocato

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Gloria Trapanese psicologa clinica Ancora donna prevenzione

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

copertine dei libri di giancarlo trapanese

decorazione topleft decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Chi mi ha ucciso? - Giancarlo Trapanese
La giusta scelta - Giancarlo Trapanese
Ascoltami - Giancarlo Trapanese
Ascoltami - Giancarlo Trapanese
Quella Volta che. . .avventure e ricordi di Alceo Moretti - 2010 - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Sirena senza coda - libro scritto da Giancarlo Trapanese e Cristina Tonelli
Da quanto tempo - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Luna Traversa - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Se son fiori... - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Calcio a 5 lo sport del 2000 - libro scritto da Giancarlo Trapanese
decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione 1-bottomright



lista recensioni

decorazione topleft decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Vedi tutte le recensioni

Chi mi ha ucciso?

Agnese Testadiferro
Andrea Marinelli
Antonio Luccarini
Benedetta Grendene
Elisa Frare
Francesca Cipolloni
Francesco Caferri
Giuseppe Campanelli
Laura Margherita Volante
Raimondo Montesi
Sergio Gigliati
Silvano Staffolani
Teodora Stefanelli
Valerio Calzolaio

La giusta scelta

Benedetta Grendene
Catiuscia Ceccarelli
Collettivo Idra
Cristina Tonelli
Giuseppe Modugno
Il Lucano Potenza
L'Azione Fabriano
Marco Mittica
Norma Stramucci

Madre vendetta

Adnkronos IGN
Annamaria Barbato Ricci
Antonio Luccarini
Cristina Tonelli
Edda Lavezzi Stagno
Francesco Greco
Gigi Avanti
Giorgio Iacobone
ilRestoDelCarlino.it Web
Luciano Gregoretti
Maria Lampa
Maria Rita Parsi
Moreno Giannattasio
Noodls Web
Norma Stramucci
Silvana Coricelli
Tito Stagno

Ascoltami

Antonio Luccarini
Chiara Giacobelli
Cristina Tonelli
CronacheMaceratesi.it Web
Giorgio Iacobone
ilRestoDelCarlino.it Web
laprimaweb.it Web
Lucio Zarletti
Paolo Pandolfi
viverecivitanova.it

Quella volta che. . .

Ferruccio De Bortoli

Sirena senza coda

Alessandro Moscè
Asmae Dachan
Chiara Giacobelli
Gian Paolo Grattarola
Giorgio Iacobone
IlMascalzone.it Web
IlQuotidiano.it Web
Michele Antognoni
Paolo Pandolfi
Raffaele Mazzei
RivieraOggi.it Web
SanMarinoRTV.sm
Silvana Coricelli
Sito del Comune di Venezia Web

Da quanto tempo

Alessandro Moscè
Anna Maria Ragaini
Asmae Dachan
Lucio Felici
Maria Lampa
Norma Stramucci
Paolo Parimbelli

Luna traversa

Alice Ragni
Antonio Luccarini
Anuska Pambianchi
Dr Antonio Bruni
Gigi Avanti
Giulia Ruffoni
Kruger Agostinelli
Maria Grazia Capulli
Mohamed Nour Dachan
Norma Stramucci
Sergio Angeletti
Sherif El Sabaie

Se son fiori

Enrico Capodaglio
Francesco Alberoni
Francesco D’Aniello
Giuseppe Possedoni
Silvana Coricelli
decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione 1-bottomright

decorazione black 4


1

recensione: Da quanto tempo (Asmae Dachan)

decorazione topleftdecorazione blank 1decorazione blank 2
decorazione blank 1
 
Due occhi scuri, grandi e profondi, la bocca semi-aperta, la frangia a coprire la fronte, il capo leggermente inclinato a destra.
Uno sguardo, un atteggiamento che cattura, che colpisce e si scolpisce in chi l’osserva, che sembra quasi prendere forma, avvicinarsi e chiedere, con voce sommessa: “Da quanto tempo?”

Chi si tuffa nello sguardo dell’adolescente disegnata sulla copertina del nuovo libro di Giancarlo Trapanese, “Da quanto tempo” (Neftasia editore) inizia un viaggio per luoghi, esperienze, emozioni, dolori e sogni, al termine del quale avrà imparato a guardare il mondo con occhi diversi.

Una narrazione articolata in diversi racconti, con personaggi che animano alcune pagine e poi spariscono, lasciando però, un segno indelebile in quelle che sono le due colonne portanti dell’opera letteraria, le due anime principali, quelle di due uomini, il primo giornalista, il secondo sacerdote.

Racconti di vita, riflessioni sulla vita, ritratti di non-vita.

Il libro del giornalista-scrittore, la sua terza opera letteraria dopo “Se son fiori” e “Luna traversa”, è una fotografia multi-dimensionale che ritrae squarci di anonime realtà senza voce, illuminate dalla luce soffusa dell’animo di chi, per una scelta coraggiosa, in queste realtà ci si immerge e decide di raccontarle.

La scelta è quella di tendere una mano, ora carezzevole e confortante, ora decisa e forte, a chi soffre, a chi è stato reso schiavo, a chi ha subito ogni sorta di violenza e ha rischiato di perdere per sempre la sua umanità. Senza cadere nella trappola della commiserazione o del buonismo, mantenendo un tono realistico e un atteggiamento lucido e critico, il giornalista ed il religioso fanno emergere, con il loro impegno e la loro testimonianza, la cruda realtà in cui si trovano a vivere, loro malgrado, migliaia di persone.

Un romanzo di “realismo contemporaneo”, che ricorda, con le sue descrizioni, le inquadrature in presa diretta dello stile rosselliniano. Così come i celeberrimi personaggi del regista neo-realista per eccellenza, presi dalla strada e invitati ad interpretare ruoli del quotidiano, i protagonisti del libro dell’autore anconetano sono ritratti nelle loro non- esistenze sulla strada, nei campi di combattimento, nella certezza ormai svanita delle loro case, nella loro nuova vita, nella forza della loro rinascita.

In un mondo dove tutti urlano, Giancarlo Trapanese dà voce a chi voce non ne ha, soprattutto ai bambini ed agli adolescenti, e lo fa immergendosi, prima ancora che nella vita dei suoi personaggi, nell’esperienza umana e mistica del suo amico sacerdote, che lo spinge ad intraprendere questo viaggio che lo porterà in Moldavia, poi di nuovo in Italia, poi a Bucarest, in Africa e a Chernobyl.

Le descrizioni di Trapanese hanno una straordinaria capacità di epòs che stravolge gli equilibri e le certezze di chi legge. Si può dire che sia proprio questo lo scopo, l’ispirazione, la motivazione principale del racconto: prendere per mano il lettore e portarlo in luoghi dove non andrebbe mai, in esperienze alle quali non si sarebbe mai avvicinato, per invitarlo a riflettere, ad aprire gli occhi, a guadare il mondo senza indifferenza, ma con consapevolezza, facendo appello a ciò non si può costruire, ma si può coltivare: un profondo senso dell’umanità.
L’idea chiave di questa opera è l’incontro tra un laico ed un religioso, tra un giornalista ed un sacerdote, che, attraverso i loro dialoghi e i loro scambi d’ opinione, i loro accesi confronti e la profondità delle esperienze che si trovano a condividere, abbattono ogni muro difensivo e divisorio , ogni lontananza che era sembrata sino ad allora insormontabile e parlano, da uomo a uomo, da essere umano, ad essere umano.


Presentazione del libro Da quanto tempo a Roma il 3 Aprile 2008
Torna al menù recensioni

Info critico

Nome: Asmae
Cognome: Dachan
Scrittrice, dottoressa in scienze islamiche e ricercatrice sul Medio Oriente ed il Nord Africa - Ex portavoce donne islamiche Italia
Asmae Dachan - scrittrice ed Ex portavoce donne islamiche Italia

Asmae Dachan

Sono nata il 28 novembre 1976 ad Ancona, da genitori di origine siriana. Ho acquisito la cittadinanza italiana quando ero ancora bambina. Dopo la maturità linguistica ho studiato teologia per quattro anni, acquisendo una licenza in Diritto islamico. La mia insaziabile sete di conoscenza mi ha spinta, nel 2006, ad iscrivermi all'Università di Urbino, dove sto studiando Scienze della Comunicazione. Dal 2008 collaboro con il settimanale Voce della Vallesina. nell'ottobre 2008 ho partecipato al Concorso Letterario Internazionale Città di Ancona, nella categoria "Poesia singola", ricevendo una segnalazione da parte della giuria del concorso. La mia passione maggiore è la scrittura e amo moltissimo leggere. I miei autori preferiti sono Shakespeare, Virginia Woolf, Pirandello e il grande poeta Mario Luzi. Ho due figli, di 11 e 7 anni.

Compra il libro:

link acquista
decorazione blank 2
decorazione blank 2decorazione blank 2decorazione bottomright

1

 


presentazioni | libri