recensioni libri 

Giancarlo Trapanese 


Chi mi ha ucciso? - thriller metafisico, sospeso tra reale e fantastico - romanzo scritto da Giancarlo Trapanese
giancarlotrapanese@giancarlotrapanese.it
decorazione topright
decorazione bottomleft


news

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1
CHI MI HA UCCISO? A Teatro
"CHI MI HA UCCISO? A TEATRO
Macerata, Teatro Lauro Rossi

Domenica 26 Novembre, ore 17:15, la compagnia "Teatro del sorriso" e Giancarlo Trapanese presentano la commedia in tre atti, liberamente tratta dall'omonimo romanzo.
49° Festival nazionale premio Angelo Perugini
Presentazione


decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

il blog di Giovanni

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Il blog più pungente della rete - Il blog di Giancarlo Trapanese

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Giovanni Trapanese photographer fotografo avvocato

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Gloria Trapanese psicologa clinica Ancora donna prevenzione

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

copertine dei libri di giancarlo trapanese

decorazione topleft decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Chi mi ha ucciso? - Giancarlo Trapanese
La giusta scelta - Giancarlo Trapanese
Ascoltami - Giancarlo Trapanese
Ascoltami - Giancarlo Trapanese
Quella Volta che. . .avventure e ricordi di Alceo Moretti - 2010 - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Sirena senza coda - libro scritto da Giancarlo Trapanese e Cristina Tonelli
Da quanto tempo - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Luna Traversa - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Se son fiori... - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Calcio a 5 lo sport del 2000 - libro scritto da Giancarlo Trapanese
decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione 1-bottomright



lista recensioni

decorazione topleft decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Vedi tutte le recensioni

Chi mi ha ucciso?

Agnese Testadiferro
Andrea Marinelli
Antonio Luccarini
Benedetta Grendene
Elisa Frare
Francesca Cipolloni
Francesco Caferri
Giuseppe Campanelli
Laura Margherita Volante
Raimondo Montesi
Sergio Gigliati
Silvano Staffolani
Teodora Stefanelli
Valerio Calzolaio

La giusta scelta

Benedetta Grendene
Catiuscia Ceccarelli
Collettivo Idra
Cristina Tonelli
Giuseppe Modugno
Il Lucano Potenza
L'Azione Fabriano
Marco Mittica
Norma Stramucci

Madre vendetta

Adnkronos IGN
Annamaria Barbato Ricci
Antonio Luccarini
Cristina Tonelli
Edda Lavezzi Stagno
Francesco Greco
Gigi Avanti
Giorgio Iacobone
ilRestoDelCarlino.it Web
Luciano Gregoretti
Maria Lampa
Maria Rita Parsi
Moreno Giannattasio
Noodls Web
Norma Stramucci
Silvana Coricelli
Tito Stagno

Ascoltami

Antonio Luccarini
Chiara Giacobelli
Cristina Tonelli
CronacheMaceratesi.it Web
Giorgio Iacobone
ilRestoDelCarlino.it Web
laprimaweb.it Web
Lucio Zarletti
Paolo Pandolfi
viverecivitanova.it

Quella volta che. . .

Ferruccio De Bortoli

Sirena senza coda

Alessandro Moscè
Asmae Dachan
Chiara Giacobelli
Gian Paolo Grattarola
Giorgio Iacobone
IlMascalzone.it Web
IlQuotidiano.it Web
Michele Antognoni
Paolo Pandolfi
Raffaele Mazzei
RivieraOggi.it Web
SanMarinoRTV.sm
Silvana Coricelli
Sito del Comune di Venezia Web

Da quanto tempo

Alessandro Moscè
Anna Maria Ragaini
Asmae Dachan
Lucio Felici
Maria Lampa
Norma Stramucci
Paolo Parimbelli

Luna traversa

Alice Ragni
Antonio Luccarini
Anuska Pambianchi
Dr Antonio Bruni
Gigi Avanti
Giulia Ruffoni
Kruger Agostinelli
Maria Grazia Capulli
Mohamed Nour Dachan
Norma Stramucci
Sergio Angeletti
Sherif El Sabaie

Se son fiori

Enrico Capodaglio
Francesco Alberoni
Francesco D’Aniello
Giuseppe Possedoni
Silvana Coricelli
decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione 1-bottomright

decorazione black 4


1 2 3 4

recensione: Sirena senza coda (Chiara Giacobelli)

decorazione topleftdecorazione blank 1decorazione blank 2
decorazione blank 1

Sirenza senza coda: un mondo “proibito”, che un po’ spaventa e un po’ incuriosisce.

 
La storia che Trapanese ha scelto di raccontare è infatti quella di una ragazza cerebrolesa dalla nascita, seppur assolutamente in grado di comprendere ogni cosa e di provare emozioni, al pari di ogni altro essere umano. Anzi, forse di più. La titubanza di fronte al tema delicato, che a volte nasconde romanzi scritti all’insegna della commiserazione, sparisce dopo poche facciate. Non è questo il caso. Non c’è mai triste compassione nella maniera in cui Trapanese affronta l’argomento, solo una sincera voglia di conoscere e di trasmettere, di capire e di generare empatia. Che molto di ciò che viene narrato sia stato vissuto realmente in prima persona lo si intuisce tra le righe, tanto che il racconto non può fare a meno di risultare piacevole, leggero, in grado di far riflettere e di porsi domande, senza tuttavia quella pesantezza che l’argomento potrebbe portarsi appresso.
Se dopo poche pagine si è già catapultati nel pieno della storia, si viene definitivamente “accalappiati” dall’evolversi degli eventi quando nella stesura del testo entra anche Cristina Tonelli, ragazza cerebrolesa di vent’anni che con Trapanese ha voluto condividere non solo la sua storia difficile, ma anche la realizzazione della sua prima opera letteraria. Sembra un miracolo, eppure non lo è. E’ semplice realtà la condizione di Gemma, la protagonista del romanzo (nonché alter ego di Cristina) che, pur dovendo fare i conti con un corpo che lei stessa definisce “una macchina (im)perfetta”, riesce giorno dopo giorno a recuperare una vita quasi normale, costellata di successi professionali e sentimentali. Infatti, se la natura non le ha concesso l’uso della parola e l’indipendenza motoria, le ha però regalato una sensibilità fuori dalla norma e un cervello prodigioso, stimolato anche dagli esercizi a cui i genitori l’hanno tenacemente sottoposta sin da piccola. Sembra un miracolo, ma non lo è, il fatto che, ancora giovanissima, Gemma/Cristina si sia già aggiudicata un importante premio letterario, reso ancora più interessante dall’incontro con il giornalista Rai Catanese/Trapanese.
La domanda sottile che aleggia lungo l’intero corso del romanzo riguarda allora che cosa sia in fondo la normalità, cosa possa essere considerato tale e cosa no. Non è certo normale la vita di Gemma, fatta di logopedia, comunicazione attraverso un computer, uscite regolate e il costante aiuto di altri per ogni piccola attività quotidiana. Non è normale eppure lo è, negli affetti delle persone care, nell’importanza data all’amicizia e, non ultimo, nel bisogno di amare (un uomo, oltre che un genitore e un amico). Gemma è una persona tanto rara quanto preziosa, dotata di una formidabile capacità di comprendere se stessa e chi gli sta accanto, oltre che di un innato talento in grado di regalarle grandi soddisfazioni.
Incontrare Gemma tra le pagine di “Sirenza senza coda”, con la sua storia complicata, le sue carenze e le sue conquiste, e guardare dritto negli occhi il coraggio con cui una ragazza cerebrolesa come lei affronta ogni singola giornata, è un’esperienza che genera inevitabilmente nel lettore l’insorgere di una visione differente, l’apertura ad una diversa prospettiva da cui guardare la vita.
Così, senza mai passare attraverso il moralismo fine a se stesso, né il compatimento o l’ipocrisia, si arriva al termine (non senza aver versato qualche lacrima) di questo commovente romanzo edito da Vallecchi acquisendo quasi senza accorgersene un modo nuovo, e forse più giusto, di affrontare il tema dell’handicap. Un modo che passa attraverso la reale condivisione, la sincerità, l’umiltà e un generale, necessario, abbassamento dei toni circa i nostri “stupidi” problemi quotidiani. C’è da sperare che un simile approccio all’handicap possa rappresentare un esempio di crescita non solo per i singoli individui, ma anche per l’intera società.


Recensione
Torna al menù recensioni

Info critico

Nome: Chiara
Cognome: Giacobelli
Redazione di Non Solo Cinema
Sito Web: clicca qui
Email: clicca qui
Chiara Giacobelli

Chiara Giacobelli - Non Solo Cinema

NonSoloCinema è un progetto editoriale giovane e dinamico in continuo fermento. E’ uno sguardo libero sul panorama cinematografico e culturale italiano e internazionale. E’ una realtà ipertestuale in cui critica e informazione si completano, senza autoreferenzialità, al servizio dei lettori.

Compra il libro:

link acquista
decorazione blank 2
decorazione blank 2decorazione blank 2decorazione bottomright

recensione: Sirena senza coda (Sito del Comune di Venezia Web)

decorazione topleftdecorazione blank 1decorazione blank 2
decorazione blank 1

Domani pomeriggio al Palaplip "Si può fare...la persona disabile può comunicare in tanti modi"

 
Domani, sabato 30 ottobre, dalle ore 15.30 alle 19, al Palaplip di via San Donà, a Mestre, si terrà il primo di due incontri dal titolo "Si può fare... la persona disabile può comunicare in tanti modi", promosso dalla Cooperativa Intervento, in collaborazione con l'Assessorato comunale alle Politiche sociali, il Lions Club Venezia Host e l'Associazione "Cielo Blu", per divulgare le potenzialità della "Comunicazione Facilitata Tecnica Aumentativa Alternativa Alfabetica del Linguaggio®". A portare i saluti dell'Amministrazione comunale sarà il vicesindaco e assessore alle Politiche sociali, Sandro Simionato.

La Cooperativa Intervento dedica una costante attenzione a cercare sempre nuove possibilità utilizzando sia strumenti tecnologici sia metodologie di comunicazione alternativa. Una importante testimonianza dei risultati che le innovative tecniche di comunicazione permettono di raggiungere sarà offerta dalla presentazione del libro "Sirena senza coda", scritto da Giancarlo Trapanese e Cristina Tonelli, una ragazza disabile di Fano, che sarà accompagnato da interventi video di Neri Marcorè e David Anzalone e dalla musica del "Duo Officina della Musica".

Saranno inoltre presenti Luca Razzauti, Giacomo De Nuccio, Maria Chiara Coco, studenti che utilizzano la tecnica, che risponderanno anche a domande del pubblico, alternandole alle testimonianze di genitori, fratelli, insegnanti ed operatori del settore. Sono inoltre previsti gli interventi musicali di Roberto Cavallaro, al pianoforte, del gruppo di danza della "Cooperativa Nuova Idea", di Tony Marra con il suo spettacolo di cabaret, del gruppo "Cantare Suonando"; saranno esposte le foto di Laura Sassi, commentate da persone che utilizzano la Comunicazione Facilitata, e le opere di Giovanni Burato.

Il secondo incontro di "Si può fare... la persona disabile può comunicare in tanti modi", si terrà sabato 13 novembre, dalle ore 15.30 alle 19, sempre al Palaplip. Inoltre, per far conoscere la sua attività, la Cooperativa Intervento ha programmato due Open day presso la sua sede, in via Felisati, 86 a Mestre: mercoledì 10 novembre (ore 16-19) e sabato 20 novembre (ore 9-13).

Per informazioni: telefono 041 975322; fax 041 5055112; email info@ cooperativaintervento; sitowww.cooperativaintervento.it.
Link recensione: Visita il link


Mestre - Ex Palaplip - presentazione del libro
Torna al menù recensioni

Info critico

Nome: Sito del Comune di Venezia
Cognome: Web
Sito Web: clicca qui
Email: clicca qui
Sito del comune di Venezia


Compra il libro:

link acquista
decorazione blank 2
decorazione blank 2decorazione blank 2decorazione bottomright

recensione: Sirena senza coda (Paolo Pandolfi)

decorazione topleftdecorazione blank 1decorazione blank 2
decorazione blank 1

Recensione di "Sirena senza coda" di Paolo Pandolfi

 
TEMA TRATTATO: l’incontro casuale tra un giornalista di professione ed una ragazza speciale che vorrebbe essere sua collega. E poi una storia di giovani e di genitori che cercano di stabilire al meglio un dialogo, un modello di comunicazione utile a spiegare e far comprendere le proprie ansie, le proprie tensioni, i propri sentimenti. Tutto come se fosse un diario scritto a più mani.

GIUDIZIO SINTETICO: Un inno alla vita, un inno alla “speranza” che fortifica e arricchisce. Un diario dove comunicare è il tema pregnante. Dove la parola scritta assume un ruolo di espressione di vita. Una storia, una favola, forse per alcuni, che invece è realtà, una realtà appunto che è piena di “speranza”. Scritto con passione e sentimento, risulta fluente e facilmente leggibile. Una storia con tanti personaggi, ognuno con il suo modo di esprimersi, tutti figli di differenti generazioni. E scopri allora le frizioni generazionali, gli slang tra i giovani, il dialogo tra adulti e ragazzi, tra genitori e figli. Bello, semplice, piacevole e profondo

ALCUNE FRASI SUGGESTIVE
… ogni azione dalla più semplice e meccanica alla più complessa, se fatta con passione ed autenticità può arricchirsi di esclusività, di importanza specie se riguarda la nostra relazione con chi vive accanto a noi.

Dicevo che possiedo una famiglia che è ovattata per un uovo:calda,assai protettiva e unita attorno a me. Possiedo una squadra tutta rosa di donne speciali a me dedicate, a casa e a scuola. Possiedo dunque molto più di altri, e tanti poverini ostinatamente dicono che io ho solo scogli da superare.

… è meglio desiderare ciò che non si ha che avere ciò che non si desidera.

… quando la gioia si presenta così coinvolgente e affonda le radici in sentimenti profondi, riesce quasi a graffiare, laggiù in fondo al cuore e si sente come un dolore dolce che toglie il fiato e stringe lo stomaco.

… ci vuole amore, tenacia, perseveranza ma nulla si può fare senza il sostegno e la collaborazione degli altri.

Frecce. I figli sono frecce scagliate, diceva Gibran, e noi genitori l’arco. Un arco, quello tuo, che hai costruito con tanta fatica, sofferenza e pazienza e ora che la freccia è partita hai paura.

L’amore ha bisogno di rinnovarsi sempre per evitare di cadere nell’abitudine che spesso poi porta alla triste rassegnazione o alla schiavitù psicologica.

(… si parla della pubblicità … ndr) … è pessima. Forma di incanto dei nostri occhi, detta musiche, mode e regole. Tutto passeggero. Manipolatrice di cervelli e gusti, interrompe attimi fuggenti in tv.

… “non si muore mai davvero se si mettono le radici negli altri” (Tolstoj)

La vita non proviene solo da biologia e chimica ma da molto più lontano e non può essere messa in discussione. Se caso, errori, fato, hanno voluto questo non è saggio né giusto nei confronti di una creatura del tutto indifesa cambiare corso degli eventi con il ferro degli umani devastanti interventi.

Non lasciarti spaventare dalle difficoltà, la felicità a volte si nasconde dietro ad un masso, in cima alla scalata, ed è intangibile ma quando arrivi e la respiri capisci che tutte le cose brutte sono servite a raggiungerla.

… la massima forma di egoismo è l’amore perché non amiamo i nostri pater, ma soltanto la loro capacità di amare noi.(Gabriel Laub)

invito a Bologna

A proposito di coraggio, questo è senza dubbio uno degli elementi che stanno alla base della pubblicazione del libro “Sirena senza coda” di Giancarlo Trapanese e Cristina Tonelli. Entrambi sono ricchi di coraggio, di passione, di voglia di superare i limiti. Entrambi lo presenteranno il prossimo sabato, 13 novembre alle 17,00 nella sala teatro interna alla Casa dei Risvegli presso Ospedale Bellaria di Bologna. Un evento questo del tutto particolare perché offerto anche ai ricoverati in un luogo dove il coraggio è necessario tutti i giorni, tutte le ore per vincere l’ombra del coma, l’ombra dello stato vegetativo per tutta la vita. Coraggio che deve essere vivo anche in coloro che sono più vicini a questi nostri sfortunati fratelli: i familiari, gli amici, gli operatori sanitari. Coraggio che viene rinforzato dall’opera quotidiana dell’Associazione Onlus “Gli Amici di Luca” che con grande entusiasmo ha collaborato alla realizzazione di questo momento nella convinzione che testimonianze come quelle di Giancarlo e di Cristina rappresentano per tutti l’esempio che l’impossibile si può e si deve affrontare!
Sarà un sabato di spettacolo e pieno di vita allietato dalle musiche di Stefano Zuffi e dell’Alchemic Folk Orchestra che sapranno creare le giuste atmosfere. Uno spettacolo da non perdere, uno spettacolo che farà bene a tutti! Ed alla fine il consueto e gradito buffet offerto dal Circolo Ravone. Tutto il programma nella locandina allegata!


Recensione di Paolo Pandolfi sul libro Sirena senza coda
Torna al menù recensioni

Info critico

Nome: Paolo
Cognome: Pandolfi
Circolo lettura "Gli amici di Sofia"
Sito Web: clicca qui


Compra il libro:

link acquista
decorazione blank 2
decorazione blank 2decorazione blank 2decorazione bottomright

recensione: Sirena senza coda (Chiara Giacobelli)

decorazione topleftdecorazione blank 1decorazione blank 2
decorazione blank 1

"SIRENZA SENZA CODA" di Giancarlo Trapanese e Cristina Tonelli

 
Apprestandosi a leggere Sirenza senza coda, quarto romanzo del giornalista Rai Giancarlo Trapanese, si ha la sensazione di entrare in un mondo “proibito”, che un po’ spaventa e un po’ incuriosisce.
La storia che Trapanese ha scelto di raccontare è infatti quella di una ragazza cerebrolesa dalla nascita, seppur assolutamente in grado di comprendere ogni cosa e di provare emozioni, al pari di ogni altro essere umano. Anzi, forse di più. La titubanza di fronte al tema delicato, che a volte nasconde romanzi scritti all’insegna della commiserazione, sparisce dopo poche facciate. Non è questo il caso. Non c’è mai triste compassione nella maniera in cui Trapanese affronta l’argomento, solo una sincera voglia di conoscere e di trasmettere, di capire e di generare empatia. Che molto di ciò che viene narrato sia stato vissuto realmente in prima persona lo si intuisce tra le righe, tanto che il racconto non può fare a meno di risultare piacevole, leggero, in grado di far riflettere e di porsi domande, senza tuttavia quella pesantezza che l’argomento potrebbe portarsi appresso.

Se dopo poche pagine si è già catapultati nel pieno della storia, si viene definitivamente “accalappiati” dall’evolversi degli eventi quando nella stesura del testo entra anche Cristina Tonelli, ragazza cerebrolesa di vent’anni che con Trapanese ha voluto condividere non solo la sua storia difficile, ma anche la realizzazione della sua prima opera letteraria. Sembra un miracolo, eppure non lo è. E’ semplice realtà la condizione di Gemma, la protagonista del romanzo (nonché alter ego di Cristina) che, pur dovendo fare i conti con un corpo che lei stessa definisce “una macchina (im)perfetta”, riesce giorno dopo giorno a recuperare una vita quasi normale, costellata di successi professionali e sentimentali. Infatti, se la natura non le ha concesso l’uso della parola e l’indipendenza motoria, le ha però regalato una sensibilità fuori dalla norma e un cervello prodigioso, stimolato anche dagli esercizi a cui i genitori l’hanno tenacemente sottoposta sin da piccola. Sembra un miracolo, ma non lo è, il fatto che, ancora giovanissima, Gemma/Cristina si sia già aggiudicata un importante premio letterario, reso ancora più interessante dall’incontro con il giornalista Rai Catanese/Trapanese.

La domanda sottile che aleggia lungo l’intero corso del romanzo riguarda allora che cosa sia in fondo la normalità, cosa possa essere considerato tale e cosa no. Non è certo normale la vita di Gemma, fatta di logopedia, comunicazione attraverso un computer, uscite regolate e il costante aiuto di altri per ogni piccola attività quotidiana. Non è normale eppure lo è, negli affetti delle persone care, nell’importanza data all’amicizia e, non ultimo, nel bisogno di amare (un uomo, oltre che un genitore e un amico). Gemma è una persona tanto rara quanto preziosa, dotata di una formidabile capacità di comprendere se stessa e chi gli sta accanto, oltre che di un innato talento in grado di regalarle grandi soddisfazioni.

Incontrare Gemma tra le pagine di “Sirenza senza coda”, con la sua storia complicata, le sue carenze e le sue conquiste, e guardare dritto negli occhi il coraggio con cui una ragazza cerebrolesa come lei affronta ogni singola giornata, è un’esperienza che genera inevitabilmente nel lettore l’insorgere di una visione differente, l’apertura ad una diversa prospettiva da cui guardare la vita.

Così, senza mai passare attraverso il moralismo fine a se stesso, né il compatimento o l’ipocrisia, si arriva al termine (non senza aver versato qualche lacrima) di questo commovente romanzo edito da Vallecchi acquisendo quasi senza accorgersene un modo nuovo, e forse più giusto, di affrontare il tema dell’handicap. Un modo che passa attraverso la reale condivisione, la sincerità, l’umiltà e un generale, necessario, abbassamento dei toni circa i nostri “stupidi” problemi quotidiani. C’è da sperare che un simile approccio all’handicap possa rappresentare un esempio di crescita non solo per i singoli individui, ma anche per l’intera società.
Link recensione: Visita il link


Presentazione del libro Da quanto tempo a Torino - Recensione di Chiara Giacobelli di NonSoloCinema
Torna al menù recensioni

Info critico

Nome: Chiara
Cognome: Giacobelli
Redazione di Non Solo Cinema
Sito Web: clicca qui
Email: clicca qui
Chiara Giacobelli

Chiara Giacobelli - Non Solo Cinema

NonSoloCinema è un progetto editoriale giovane e dinamico in continuo fermento. E’ uno sguardo libero sul panorama cinematografico e culturale italiano e internazionale. E’ una realtà ipertestuale in cui critica e informazione si completano, senza autoreferenzialità, al servizio dei lettori.

Compra il libro:

link acquista
decorazione blank 2
decorazione blank 2decorazione blank 2decorazione bottomright

recensione: Sirena senza coda (SanMarinoRTV.sm)

decorazione topleftdecorazione blank 1decorazione blank 2
decorazione blank 1

Video Recensione - Sirena senza Coda - SanMarinoRTV.sm - Web

 
La sirena non nuota bene purtroppo ma canta, anzi incanta! Dentro a un corpo matto, che è una macchina imperfetta, Cristina e la protagonista del racconto epistolare Emma, non sono scatole vuote ma scrigni misteriosi capaci di custodire il tesoro: un cervello ferito, meraviglioso. Le appendici speciali sono i genitori e i parenti, gli educatori, gli amici (addirittura chi le fa battere il cuore) tutte storie d’amore accompagnate nella scrittura a due mani da un giornalista vero, Giancarlo Trapanese, della Rai d’Ancona. Ogni tipo di differenza spinge alla diversità e dovrebbe avere come in Cristina/Emma una speranza per uscire dal guscio e divenire libellula poggiata su piedi di gambe con le calze di sirena - magari senza coda - una donna vera che impara a picchiettar sulla testiera di un net-book; la macchina sottostà alle dita e la mente libera la persona/mistero negli altri: soggetti d’amore. A noi tutti attraverso lo scrittore-giornalista dice: “ho bisogno di te, di voi”. Nel video l'intervista a Giancarlo Trapanese (Autore)
Link recensione: Visita il link


Video Recensione - Sirena senza Coda - SanMarinoRTV.sm - Web
Torna al menù recensioni

Info critico

Nome: SanMarinoRTV.sm
Radio Televisione della repubblica di San Marino
Sito Web: clicca qui
Email: clicca qui
Radio Televisione della repubblica di San Marino

La Federazione Sport Speciali presenta il libro “Sirena senza coda”

San Marino RTV, concessionaria pubblica del servizio radiotelevisivo della Repubblica di San Marino, viene costituita nell'agosto del 1991 con un capitale sociale sottoscritto al 50% da ERAS (Ente per la radiodiffusione sammarinese) e RAI. Attualmente il Centro di Produzione, la sede amministrativa e direzionale di San Marino RTV sono ospitati nell’edificio più esclusivo della Repubblica noto come Kursaal che, peraltro, è anche il Palazzo dei Congressi

Compra il libro:

link acquista
decorazione blank 2
decorazione blank 2decorazione blank 2decorazione bottomright

1 2 3 4

 


presentazioni | libri