recensioni libri 

Giancarlo Trapanese 


Chi mi ha ucciso? - thriller metafisico, sospeso tra reale e fantastico - romanzo scritto da Giancarlo Trapanese
giancarlotrapanese@giancarlotrapanese.it
decorazione topright
decorazione bottomleft


news

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1
CHI MI HA UCCISO? A Teatro
"CHI MI HA UCCISO? A TEATRO
UN PRODOTTO TUTTO MADE IN ANCONA

Ed è andata meravigliosamente...
Un grazie grande come il mondo alle ottocento persone che hanno deciso di vivere insieme a noi questo magico e folle fine settimana di Teatro.
E' stato emozionante, divertente e intenso.

"Benvenuti a teatro, dove tutto è finto ma nulla è falso!" dice il Grande Maestro Gigi Proietti.
Niente di più vero…
Foto Album

CHI MI HA UCCISO? A Teatro
"CHI MI HA UCCISO? A TEATRO

Domenica 6 Agosto alla Mole di Ancona, "Chi mi ha ucciso?" a Teatro, commedia con delitto in tre atti. . . .
Foto Album


decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

il blog di Giovanni

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Il blog più pungente della rete - Il blog di Giancarlo Trapanese

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Giovanni Trapanese photographer fotografo avvocato

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Gloria Trapanese psicologa clinica Ancora donna prevenzione

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

copertine dei libri di giancarlo trapanese

decorazione topleft decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Chi mi ha ucciso? - Giancarlo Trapanese
La giusta scelta - Giancarlo Trapanese
Ascoltami - Giancarlo Trapanese
Ascoltami - Giancarlo Trapanese
Quella Volta che. . .avventure e ricordi di Alceo Moretti - 2010 - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Sirena senza coda - libro scritto da Giancarlo Trapanese e Cristina Tonelli
Da quanto tempo - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Luna Traversa - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Se son fiori... - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Calcio a 5 lo sport del 2000 - libro scritto da Giancarlo Trapanese
decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione 1-bottomright



lista recensioni

decorazione topleft decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Vedi tutte le recensioni

Chi mi ha ucciso?

Agnese Testadiferro
Andrea Marinelli
Antonio Luccarini
Benedetta Grendene
Elisa Frare
Francesca Cipolloni
Francesco Caferri
Giuseppe Campanelli
Laura Margherita Volante
Raimondo Montesi
Sergio Gigliati
Silvano Staffolani
Teodora Stefanelli
Valerio Calzolaio

La giusta scelta

Benedetta Grendene
Catiuscia Ceccarelli
Collettivo Idra
Cristina Tonelli
Giuseppe Modugno
Il Lucano Potenza
L'Azione Fabriano
Marco Mittica
Norma Stramucci

Madre vendetta

Adnkronos IGN
Annamaria Barbato Ricci
Antonio Luccarini
Cristina Tonelli
Edda Lavezzi Stagno
Francesco Greco
Gigi Avanti
Giorgio Iacobone
ilRestoDelCarlino.it Web
Luciano Gregoretti
Maria Lampa
Maria Rita Parsi
Moreno Giannattasio
Noodls Web
Norma Stramucci
Silvana Coricelli
Tito Stagno

Ascoltami

Antonio Luccarini
Chiara Giacobelli
Cristina Tonelli
CronacheMaceratesi.it Web
Giorgio Iacobone
ilRestoDelCarlino.it Web
laprimaweb.it Web
Lucio Zarletti
Paolo Pandolfi
viverecivitanova.it

Quella volta che. . .

Ferruccio De Bortoli

Sirena senza coda

Alessandro Moscè
Asmae Dachan
Chiara Giacobelli
Gian Paolo Grattarola
Giorgio Iacobone
IlMascalzone.it Web
IlQuotidiano.it Web
Michele Antognoni
Paolo Pandolfi
Raffaele Mazzei
RivieraOggi.it Web
SanMarinoRTV.sm
Silvana Coricelli
Sito del Comune di Venezia Web

Da quanto tempo

Alessandro Moscè
Anna Maria Ragaini
Asmae Dachan
Lucio Felici
Maria Lampa
Norma Stramucci
Paolo Parimbelli

Luna traversa

Alice Ragni
Antonio Luccarini
Anuska Pambianchi
Dr Antonio Bruni
Gigi Avanti
Giulia Ruffoni
Kruger Agostinelli
Maria Grazia Capulli
Mohamed Nour Dachan
Norma Stramucci
Sergio Angeletti
Sherif El Sabaie

Se son fiori

Enrico Capodaglio
Francesco Alberoni
Francesco D’Aniello
Giuseppe Possedoni
Silvana Coricelli
decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione 1-bottomright

decorazione black 4


1

recensione: Madre vendetta (Francesco Greco)

decorazione topleftdecorazione blank 1decorazione blank 2
decorazione blank 1

In libreria per Vallecchi “Madre Vendetta” di Trapanese

 
Chi ha investito in una buia notte d’inverno Manuel Romualdi?
L’hanno condannato a 28 anni per aver assassinato la fidanzata 19enne, la bellissima Luce Anselmi, ma ne ha scontati solo 13 perché detenuto modello. A fatica s’è rifatto una vita, un fornaio dal gran cuore lo ha assunto: “Ce l’ha segnalato il maresciallo dei carabinieri come caso umano, per tenerlo fuori da tentazioni e dargli una possibilità”. Ma una notte, mentre andava al lavoro in motorino, un’auto lo ha preso in pieno. Così la sua speranza è stata gelata, la banalità del male ha vinto. Disgrazia o omicidio premeditato? Un pirata della strada o una spedizione punitiva di qualcuno che non riesce a metabolizzare, elaborare un lutto pur grave? Un take d’agenzia in una redazione periferica della Rai, un cronista di razza amante del proprio lavoro come pochi, ormai, in un mestiere inaridito da militanze ossessive, menzogne ben confezionate, reticenze smaccate e zerbinaggi spudorati, e si mette in moto il meccanismo di un’inchiesta parallela a quella ufficiale, con cui pure s’intreccia, che svela una provincia malata come e forse più della metropoli – siamo in Emilia Romagna, a Bertinoro – dove i sentimenti sono vissuti con un’intensità rabbiosa e straniante, all’insegna dell’oraziano carpe diem, e i mali del XXI secolo (la droga per esempio, la più dirompente) sono amplificati e dilatati sino alla trasfigurazione. . . .
E’ il backstage di “Madre Vendetta” (storia di un perdono impossibile), di Giancarlo Trapanese, Vallecchi, Firenze 2012, pp. 284, € 14.50, collana “Le Stelle”. Un romanzo incalzante, dallo stile piano, sobrio, che riconcilia col grande giornalismo investigativo e analitico, ma senza i continui coup-de-thèatre cui altri autori ci hanno abituati, in bilico fra Tenente Colombo e Montalbano. Lo scavo di Trapanese è sociologico e antropologico, ma anche linguistico (belle le battute in dialetto romagnolo, opportunamente tradotte dallo scrittore per noi che viviamo distanti dai luoghi dell’azione e del backgrpund), la scannerizzazione del vissuto di Romualdi procede senza clamore ma suggerendo continue sorprese che pian piano compongono un puzzle veritiero intriso di ironia a volte lieve a volte amara, ma sempre capace di un realismo a tratti temperato di lirismo che si rivela la cifra vincente del libro.
Cronista di una razza in via d’estinzione, Trapanese – che si ispira a un fatto realmente accaduto - ha in Catanese un alter ego in cui proietta il suo vissuto professionale, inclusa una moglie paziente e saggia e figli sbrigativi . Il giornalista emana quell’odore di vecchia tipografia con i caratteri di piombo fuso e il proto brontolone che tormenta l’orologio, ma anche il giusto disincanto con cui affrontare un mestiere un tempo definito il più bello del mondo e che oggi, sopraffatto dal velinismo selvaggio, sconfina troppo spesso in un arido cinismo, forse perché le testate, tv e cartacee, vogliono solo quello per un fatto di marketing (come provano i casi di cronaca più recenti, da Sarah Scazzi a Yara Gambirasio, senza scordare la Franzoni a Cogne e Simonetta Cesaroni a via Poma, Roma).
Se il passato non passa mai, anzi ritorna puntuale e magari pure degradato, e il tempo ha una modulazione circolare, Catanese, taccuino alla mano, ripercorre a ritroso le situazioni che possono far luce sul “giallo” dell’omicidio-Romualdi. Interroga con l’aria quasi indifferente, assopita del cronista dal fiuto sottile i vecchi all’osteria, raccoglie pettegolezzi in apparenza senz’importanza, rintraccia persino un vecchio prete, don Enzo, che ha la mania di segnare sui suoi polverosi brogliacci le gioie e i dolori delle “anime” affidate alla sua cura. Uno di quei personaggi molto frequenti in provincia, che fanno tanta tenerezza per la loro inossidabile umanità e fiducia nell’uomo nonostante tutto: infatti dà lezioni di latino gratis ai ragazzi che non possono pagarle. . .
“Luce era una ragazza meravigliosa. Dolce, sensibile, forse un po’ troppo moderna, qualche volta… Ma anche lui non sembrava un cattivo ragazzo, gran lavoratore, poverino…”, chiosa il sacerdote. Ma il mal di vivere si annida ovunque e si scarica, quasi fosse un format della modernità, sull’anello debole della società del blog e del byte: la donna. Mariti, ex mariti, conviventi, amanti, fidanzati, compagni, amici, padri-padrone, spasimanti, ecc. sono i suoi killer quando rifiuta di essere oggetto, farsi schiacciare a un ruolo imposto dalla subcultura feticista dominante.
“Bella in modo sconvolgente…”, Luce è assassinata, c’è un processo, e Manuel, che pure nega recisamente che la ragazza sia salita nella sua auto, è condannato. Quando si sparge la notizia che ha scontato meno della metà della pena, il livore arma un desiderio di vendetta trattenuto a fatica, un sentimento umano, troppo umano, ma non condivisibile perché dettato dal peggio di noi stessi. Da lì all’omicidio il passaggio è automatico. Quando non si ha fiducia nella giustizia terrena e anche quella divina è relativizzata, cosa resta da fare per cercare di placare un dolore rabbioso come una colica se non aspettare acquattati nella notte, avvolti da quella nebbia fitta che richiama “Amarcord”? Un libro di qualità, all’altezza dei precedenti del giornalista di origine napoletana nato nelle Marche, che ha trovato una sua dimensione stilistica si spera lungi dall’esaurirsi in un panorama letterario che offre ispide performance spacciate per capolavori unici da uffici-stampa astuti, ma che si rivelano, de facto, bluff deludenti.
Link recensione: Visita il link


Recensione di Francesco Greco per
Torna al menù recensioni

Info critico

Nome: Francesco
Cognome: Greco
Giornalista, salentocult
Sito Web: clicca qui
Email: clicca qui
Francesco Greco salentocult


Compra il libro:

link acquista
decorazione blank 2
decorazione blank 2decorazione blank 2decorazione bottomright

1

 


presentazioni | libri