recensioni libri 

Giancarlo Trapanese 


Chi mi ha ucciso? - thriller metafisico, sospeso tra reale e fantastico - romanzo scritto da Giancarlo Trapanese
giancarlotrapanese@giancarlotrapanese.it
decorazione topright
decorazione bottomleft


news

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1
CHI MI HA UCCISO? A Teatro
"CHI MI HA UCCISO? A TEATRO
UN PRODOTTO TUTTO MADE IN ANCONA

Ed è andata meravigliosamente...
Un grazie grande come il mondo alle ottocento persone che hanno deciso di vivere insieme a noi questo magico e folle fine settimana di Teatro.
E' stato emozionante, divertente e intenso.

"Benvenuti a teatro, dove tutto è finto ma nulla è falso!" dice il Grande Maestro Gigi Proietti.
Niente di più vero…
Foto Album

CHI MI HA UCCISO?
CHI MI HA UCCISO?
Ancona - Porto Vecchio, Molo Rizzo
Ti Ci Porto Festival 2017
Presentazione del libro "Chi mi ha ucciso?", commedia con delitto in tre atti.
Interverranno Grazia Barboni (chitarrista-cantante), Giampiero Piantadosi (regista-attore), Ettore Budano (attore)
Foto Album

CHI MI HA UCCISO? A Teatro
"CHI MI HA UCCISO? A TEATRO

Venerdì 7 Luglio a Falconara Marittima, nella suggestiva cornice della Corte del Castello, "Chi mi ha ucciso?", commedia con delitto in tre atti. . . .


CHI MI HA UCCISO? A Teatro
"CHI MI HA UCCISO? A TEATRO

Domenica 6 Agosto alla Mole di Ancona, "Chi mi ha ucciso?" a Teatro, commedia con delitto in tre atti. . . .



decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

il blog di Giovanni

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Il blog più pungente della rete - Il blog di Giancarlo Trapanese

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Giovanni Trapanese photographer fotografo avvocato

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

decorazione black decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Gloria Trapanese psicologa clinica Ancora donna prevenzione

decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione black 2

copertine dei libri di giancarlo trapanese

decorazione topleft decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Chi mi ha ucciso? - Giancarlo Trapanese
La giusta scelta - Giancarlo Trapanese
Ascoltami - Giancarlo Trapanese
Ascoltami - Giancarlo Trapanese
Quella Volta che. . .avventure e ricordi di Alceo Moretti - 2010 - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Sirena senza coda - libro scritto da Giancarlo Trapanese e Cristina Tonelli
Da quanto tempo - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Luna Traversa - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Se son fiori... - libro scritto da Giancarlo Trapanese
Calcio a 5 lo sport del 2000 - libro scritto da Giancarlo Trapanese
decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione 1-bottomright



lista recensioni

decorazione topleft decorazione black 1 decorazione black 1
decorazione black 1

Vedi tutte le recensioni

Chi mi ha ucciso?

Agnese Testadiferro
Andrea Marinelli
Antonio Luccarini
Benedetta Grendene
Elisa Frare
Francesca Cipolloni
Francesco Caferri
Giuseppe Campanelli
Laura Margherita Volante
Raimondo Montesi
Sergio Gigliati
Silvano Staffolani
Teodora Stefanelli
Valerio Calzolaio

La giusta scelta

Benedetta Grendene
Catiuscia Ceccarelli
Collettivo Idra
Cristina Tonelli
Giuseppe Modugno
Il Lucano Potenza
L'Azione Fabriano
Marco Mittica
Norma Stramucci

Madre vendetta

Adnkronos IGN
Annamaria Barbato Ricci
Antonio Luccarini
Cristina Tonelli
Edda Lavezzi Stagno
Francesco Greco
Gigi Avanti
Giorgio Iacobone
ilRestoDelCarlino.it Web
Luciano Gregoretti
Maria Lampa
Maria Rita Parsi
Moreno Giannattasio
Noodls Web
Norma Stramucci
Silvana Coricelli
Tito Stagno

Ascoltami

Antonio Luccarini
Chiara Giacobelli
Cristina Tonelli
CronacheMaceratesi.it Web
Giorgio Iacobone
ilRestoDelCarlino.it Web
laprimaweb.it Web
Lucio Zarletti
Paolo Pandolfi
viverecivitanova.it

Quella volta che. . .

Ferruccio De Bortoli

Sirena senza coda

Alessandro Moscè
Asmae Dachan
Chiara Giacobelli
Gian Paolo Grattarola
Giorgio Iacobone
IlMascalzone.it Web
IlQuotidiano.it Web
Michele Antognoni
Paolo Pandolfi
Raffaele Mazzei
RivieraOggi.it Web
SanMarinoRTV.sm
Silvana Coricelli
Sito del Comune di Venezia Web

Da quanto tempo

Alessandro Moscè
Anna Maria Ragaini
Asmae Dachan
Lucio Felici
Maria Lampa
Norma Stramucci
Paolo Parimbelli

Luna traversa

Alice Ragni
Antonio Luccarini
Anuska Pambianchi
Dr Antonio Bruni
Gigi Avanti
Giulia Ruffoni
Kruger Agostinelli
Maria Grazia Capulli
Mohamed Nour Dachan
Norma Stramucci
Sergio Angeletti
Sherif El Sabaie

Se son fiori

Enrico Capodaglio
Francesco Alberoni
Francesco D’Aniello
Giuseppe Possedoni
Silvana Coricelli
decorazione black 1
decorazione black 1 decorazione black 1 decorazione 1-bottomright

decorazione black 4


1

recensione: Madre vendetta (Annamaria Barbato Ricci)

decorazione topleftdecorazione blank 1decorazione blank 2
decorazione blank 1

Annamaria Barbato Ricci: un amore con gli occhi della morte

 
Giancarlo Trapanese, col suo nuovo romanzo "Madre vendetta" dà voce al crescente femminicidio che inquina i rapporti fra uomo e donna.

Si può cominciare a leggere un libro dall’appendice? Io l’ho fatto, stavolta, col romanzo di Giancarlo Trapanese “Madre Vendetta – Storia di un perdono impossibile” (Vallecchi).
Quell’appendice mi ha attratta come un magnete.

Un elenco: 133 nomi femminili in ordine temporale dal 1989 al 2011. Accanto, la notazione: marito, convivente, fidanzato, ex, amico eccetera. E’ la sconvolgente lista della strage delle innocenti. La mattanza delle donne. Il femminicidio.
Le più familiari sono le ultime: Sara, Yara, Carmela. La nostra memoria breve sui fattacci, aiutata dai plastici di Bruno Vespa, non ha fatto ancora evaporare il ricordo dell’accanimento con cui la loro triste storia è stata dissezionata sui giornali, nelle chiacchiere oziose da ufficio o da salotto.
Il romanzo del collega Trapanese, giornalista presso la RAI di Ancona, è simbolicamente dedicato a loro, al loro martirio. A quella feroce, cieca, incomprensibile rabbia con la quale il loro carnefice ha infierito per cancellarle dalla faccia della Terra.

In filigrana, le domande di sempre: perché questa reazione dissennata che pone fine col sangue ad un rapporto sentimentale, o amicale, o familiare? Oppure, in altri casi – come quello romanzato dall’Autore – perché il rifiuto assoluto di accettare che una relazione si sia esaurita, sia ormai una camicia di contenzione? Perché immolare non solo l’altrui vita, ma anche la propria in nome di una prevaricante violenza?

La vicenda raccontata dal giornalista è un puzzle delle tante storie ricavabili da quell’angosciante elenco. Prende le mosse da un’alba bolognese di dicembre, nella redazione RAI, nel giro di routine presso le Forze dell’Ordine che fa parte del quotidiano di ogni redattore TV.
Chissà quante ne avrà vissute lo stesso Trapanese che riesce a tracciare la figura del protagonista giornalista del romanzo, Giorgio Catanese con un tale accento di verità – senza trasbordare la mitizzazione del giornalista detective, quasi eroico, di maniera; anzi, inserendoci i rovelli interiori in cui ognuno di noi può riconoscersi – che incoraggia ancora di più a leggere. Un romanzo dove tutto è verisimigliante, dunque, che percorre un itinerario doloroso di un amore finito in omicidio, fino ad un doppio esito mortale (anzi, più che doppio).
Luce, diciannovenne radiosa come il suo nome, non è arrivata a vent’anni. L’ha spenta il suo Manuel, di qualche anno più grande, per ragioni non confessate. Gelosia, rifiuto della fine di un amore, non si sa.

Malgrado lui si protesti innocente, viene condannato a ventidue anni di carcere. Il buonismo delle leggi italiane lo fa liberare dopo appena tredici.
Il dramma scoppia poco dopo. Uscito di prigione, lui torna a casa, nell’incantevole Bertinoro, nella palazzina accanto alla famiglia della ragazza, dove abitano ancora la madre ed il fratello di lei. La situazione è insostenibile, i Carabinieri riescono ad ottenere che Manuel e sua madre si trasferiscano.

Il trasloco non si realizza, perché, appena prima, Manuel, che ha cominciato a lavorare in un forno-pasticceria locale, malgrado in carcere si sia persino laureato, viene travolto da un pirata della strada, mentre si sta recando al lavoro ad un’ora antelucana.
Il giovane è ricoverato in ospedale, ma non uscirà più dal coma. Al giornalista della sede RAI appare per istinto che non si tratta di un episodio da archiviare come incidente fortuito. Risale ai fatti che hanno segnato la giovane vita di Manuel; nel frattempo, si identifica l’auto killer: appartiene al fratello di Luce, ma, stranamente, sia la madre che l’uomo si autoaccusano dell’investimento. Intanto, Manuel vegeta in coma, fino a morirne. E Giorgio è preso da una sorta di magheria, vuole capire il nocciolo della questione, quei due che si autoaccusano, scagionandosi l’un l’altro, non lo convincono. S’instaura un rapporto molto umano con il maresciallo comandante della Stazione dei Carabinieri, poi col singolare, coltissimo parroco; nel frattempo, intreccia un dialogo molto umano e toccante con la madre di Luce, poi, col suo riluttante fratello. Infine, Giorgio riesce ad aprire una squarcio d’interlocuzione persino con la madre di Manuel.

Intorno a tutto ciò, che si consuma a cavallo fra il 16 dicembre e l’8 marzo (quant’è emblematica, quest’ultima data!), la sua vita professionale, ma, soprattutto, familiare ci danno quasi la consapevolezza che la sua penna scriva con l’inchiostro della verità autobiografica.
Un romanzo coinvolgente, perché scritto con passione e per passione. Quella di far parlare e giungere alla coscienza civile la triste situazione delle donne sterminate da uomini confusi e violenti; la ricerca incessante di giustizia da parte dei familiari delle vittime. Un libro che mi resterà tatuato nel cuore.


Recensione del libro Madre Vendetta scritto da Giancarlo Trapanese
Torna al menù recensioni

Info critico

Nome: Annamaria
Cognome: Barbato Ricci
Giornalista e scrittrice
Sito Web: clicca qui
Annamaria Barbato Ricci

...note:

Giornalista e scrittrice, laureata in Giurisprudenza ed avvocato, autrice del libro "Le Italiane" (Castelvecchi) che raccoglie le biografie di donne autorevoli di questi 150 anni di storia italiana, scritte da importanti scrittrici, giornaliste, firme eccellenti, i proventi del quale, con l’adesione delle coautrici, sono stati devoluti all’Associazione Telefono Rosa di Roma.

Compra il libro:

link acquista
decorazione blank 2
decorazione blank 2decorazione blank 2decorazione bottomright

1

 


presentazioni | libri